Il battello

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
latino

Gaio Valerio Catullo I secolo a.C. I 1808 Tommaso Puccini Poesie letteratura Il battello Intestazione 3 gennaio 2009 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Il battello di C. Valerio Catullo. Traduzione del Sig. Cav. Tommaso Puccini Direttore dell'Imperial Galleria di Firenze, e Conservatore degli Oggetti di Belle Arti ec.

Il Battel, che vedete,
Dice che dei navigli e' fu il più celere,
E non avria non avanzato l'impeto
D'ogni natante più fugace abete,
Dovesse o a remi, o a vele
Correre il mar crudele.

2E nega che le sponde
Del minaccioso adriaco mare il neghino,
Rodi insigne, la Tracia orridam e l'isole,
Che dell'Egeo galleggiano sull'onde,
La Propontide, e tutti
Del truce Ponto i flutti.

3Sulla cui spiaggia algente
Questo, fatto Battel, già crebbe in arbore,
Poichè sul monte Citoriaco un sibilo
L'arguta chioma tramandò sovente.
E ciò che narra a noi
Dice che ai lidi tuoi

4Fu noto, e noto è ancora,
Pontica Amastri, e a te di bossi fertile
Citoro; e che dalla sua prima origine
Fece sugli ardui tuoi gioghi dimora,
E del tuo mar sul dorso
Fe destri i remi al corso.

5Quindi per tanti ei trasse
Angusti mari d'ogni freno indocili
Il suo Signore, o al manco lato, o al destero
Il soffio di leggera aura il chiamasse,
O spirasser clementi
A poggia, e ad orza i venti.

6Nè quando venne a nuoto
Dagli ultimi confin del Regno equoreo
Insino a questo lago limpidissimo,
Duopo ebbe mai tra via pur d'un sol voto
Agli Dei, che del mare
Su i lidi han templi, ed are.

7Ma queste sue vicende
All'odierna età previe già furono:
In questo asilo oggi riposto invecchia
Tranquillamente, e sacro egli si rende
A Te, o gemello Castore,
Gemello e a Te di Castore.