Il bel di tue virtù splendor giocondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Domenico Clementi

I Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Il bel di tue virtù splendor giocondo Intestazione 26 agosto 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Domenico Clementi


[p. 113 modifica]

II1


Il bel di tue virtù splendor giocondo,
     Che i puri raggi al par del Sol distese,
     A te l’Ibero ubbidiente rese,
     E coll’Ibero il più remoto Mondo.
5Onde, poichè deposto il mortal pondo
     Il patrio Reno ancor legge ti chiese,
     Mentre te vide a null’altro secondo.
Talchè quelle virtù, che a te recaro

[p. 114 modifica]

     10Di sì gran regni il glorioso impero,
     Teco sul regal seggio si posaro.
Quindi altrui nostri il buon dritto sentiero
     Che conduce a regnar, pregio sì chiaro
     Unendo a rai del prisco sangue altero.


Note

  1. Coronale a Carlo VI. nel 1706, prima in Madrid, poi in Toledo acclamato Re di Castiglia.