Il corsaro/Canto II/XII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filosofia

Canto II
XII ../XI ../XIII IncludiIntestazione 3 marzo 2011 100% poesie

Canto II - XI Canto II - XIII
[p. 65 modifica]

XII.

E dorme placidissimo a mirarsi,
Tacito tanto è il suo respiro; dorme!
Oh, lui felice se riposo almeno
Fosse di morte!... Ma chi su i tranquilli
Sonni s’inchina?.... Ogni nemico, è lunge;
Qui per lui niun è amico;.... Angelo forse
Apportatore è di mercè? No; umana

[p. 66 modifica]

Forma caduca, di celeste bello
Splendida in volto; l’un’eburnea mano
Regge una lampa, e gentilmente il raggio
L’altra ne vela, perchè repentino
Su quegli occhi non scenda; su quegli occhi
Or chiusi, e ch’ahi! sul proprio scempio aprirse
Dovran ben tosto, e risserrarse a bujo
Eterno poi. Ma la leggiadra forma
Simile a spirto lieve, con sì negra
Pupilla, e tanti vezzi su la guancia,
E nudo piè che fulge come neve
Sovra il terren, e come neve, muto,
Muto vi posa, in così fosca notte,
Fra tanti armati, come qui sen’venne?
Come?.... Oh, di’ qual non ha possanza ardire
In cuor di donna a te simìl, Gulnara!
Non chiuse in pace occhio costei; ma quando
Udì il Pascià ripetere nel sogno
Di convitato, e di Corsaro il nome,
Lasciò il suo fianco, tacita l’annello,
Pegno del suo voler, tolsegli, e il passo
Al carcer volse, rapida movendo
Fra le scolte non vigili, o ubbidienti,
Sol che lo veggan, al ben noto segno.
Da la fatica, e da le varie sorti

[p. 67 modifica]

Prostrate invidian di Corrado il sonno,
Ed aggrezzate ai tentennati capi
Fan dei petti sostegno in su la soglia,
Finchè stese le membra neghittose
Obblìan lor cura, e quando vien la bella,
Ergon le fronti a salutar la gemma,
Non pur chiedendo, chi, e perchè l’arrechi.