Il corsaro/Canto III/XV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filosofia

Canto III
XV ../XIV ../XVI IncludiIntestazione 3 marzo 2011 100% poesie

Canto III - XIV Canto III - XVI
[p. 103 modifica]

XV.

Con questi lagni, del Pirata il core
Strazia costei; misero cor! trafitto
Ben più del suo, perchè di tanto danno
Sola cagion s’estima, e oppresso, e negro,
E sanguinoso, nel tacito petto
Si nasconde! .... Ma l’aura amica è intanto,
E amico il mare cogli azzurri flutti
Spinge la vaga poppa. Ecco lontano
Su l’ Orizzonte un punto, ecco una macchia,

[p. 104 modifica]

Un’antenna, una vela, armato un legno.
Il nocchiero che veglia, da la barca
Primo lo scorge rapido accostarsi,
Col terrore sul fianco; è presso, sbocca
Una vampa, la palla fugge, fischia,
Passa innocua, ne l’onda s’inabissa.
Sorge dal mesto suo letargo intanto
Corrado, e sulla fronte la sbandita
Gioja richiama, ed » è mio, dice, è mio
» Il sanguigno vessillo! Or più rammingo
» Non son per l’acque, e solo!....» Il noto segno
Conoscer, salutar, raccôr le vele,
E lo schifo apprestar, da l’altra parte
Opra è d’istanti. «È Corrado!.... Corrado!»
Lieti gridano tutti, e non v’è cenno,
Non obbedienza che il clamore affreni,
Or che orgogliosi lo riveggon sorto
A la sua tolda. Sui feroci volti
Spunta un sorriso, e le ruvide braccia
Mal si rattengon da un amplesso. Obblìa
Quasi Corrado i rischj e le sventure,
E qual più a Duce si convien, cortese
S’arrende a tanto giubilo; d’Anselmo
Stringe la destra, e anco una volta sente
Il desìr de le imprese, e de’ trïonfi!....