Juvenilia/Libro V/A scusa d'un francesismo scappato nel precedente sonetto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Ancora ai poeti

../Alla Musa odiernissima IncludiIntestazione 2 gennaio 2012 100% Raccolte di poesie

Libro V - A scusa d'un francesismo scappato nel precedente sonetto
Libro V - Ancora ai poeti Libro V - Alla Musa odiernissima
[p. 176 modifica]


LXXIV.

A SCUSA D’UN FRANCESISMO

SCAPPATO NEL PRECEDENTE SONETTO


Deh balii de la lingua, affeddiddio
Che questo a punto a punto è il vostro caso,
E voi potete pur darmi di naso
4Menando gran rumor del fatto mio.

Guardivi sant’Anton come rimaso
D’un franciosismo al laccio or sono anch’io;
E cancher venga al nemico di Dio
8Che pria la rima n’arrecò in Parnaso.

Ch’io veggio correr fuora a gran baldanza,
Pur me ammiccando con un risolino,
11Molti linguisti di molta importanza.

E’ vanno per consigli a l’Ugolino.
Deh, statevi per Dio: de l’ignoranza
14Da per me mi chiarisco, e mi v’inchino.

[p. 177 modifica]


Or dal vostro cammino
Qua voltatevi voi primi, aramei
17Che studiate la lingua in su’ caldei,

Indïani e giudei;
E voi che fate i be’ vocabolisti,
20E voi che rivedete i trecentisti

Né mai gli avete visti,
E voi che siete sí gran barbassori
23Che pur al Gello appuntate gli errori.

Tra i magni espositori
Non manchi qui con le scritture sue
26Quel ser cotal che fu suocero al bue.

Ora stommi in tra due,
S’anche m’abbia a chiamar quelli autoroni
29Che il Leopardi affastellano e il Manzoni

Per entro i lor prosoni.
Deh sí, venite tutti a schiere a schiere:
32Che al corpo non vuo’ dir de ’l miserere

Mi farete piacere.
Ne le brache mettetemi le mani,
35Levate via la pulce, e andate sani.