L'edera (dramma)/Atto I/Scena V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Scena V

../Scena IV ../Scena VI IncludiIntestazione 26 marzo 2015 100% Da definire

Atto I - Scena IV Atto I - Scena VI
[p. 28 modifica]

SCENA QUINTA.

Paulu, e Detti.


Paulu

dal cortile. — Veste da borghese, senza eleganza: — è pallido e stanco; ma ha aspetto fiero. — Non sorride mai sinceramente: spesso, però, si mostra ironico e beffardo. — Entrando, saluta con effusione Ballore e bacia Rosa.

Bravo, Salvatore!... Non sai che avevo una mezza idea di farti una visita al paese?

a Don Simone.

Buona sera, nonno!... Come va, Zio Zua?

Zio Zua

arcigno.

Male!

Ballore

a Paulu.

Allora, ho fatto bene a venire!... Si stava giusto parlando di te.... e dei bei tempi passati! [p. 29 modifica]

Paulu

sedendo a tavola.

Passati?... Volati via come uccelli!

Ballore.

Sei stato a Nuoro?

Paulu.

Sì.

Donna Rachele

lo guarda trepidante, come Annesa, che è rientrata.

Hai sbrigato i tuoi affari?

Paulu

bruscamente.

Ne parleremo in altro momento...

Donna Rachele, Annesa e Don Simone si fanno tristi: — Don Simone, però, dopo un momento, torna a sorridere.

Annesa

sollecita.

Che cosa vuol mangiare, Don Paulu?... Uova?... Una trota?

Paulu

respingendo i piatti dalla tavola.

Non voglio niente!... Ho già pranzato. [p. 30 modifica]

a Ballore.

E a casa tua?

Ballore.

Benone!... Ti avrebbero visto volontieri... Mi domandano spesso: «ma Don Paulu Decherchi non viene più a trovarci?»

Paulu.

Verrò presto...

Ballore.

Se vuoi, domani sera, possiamo ripartire insieme.

Paulu

preoccupato.

Forse!

Don Simone.

Lascerai, almeno, riposare il cavallo!

Paulu

ad Annesa.

A proposito... dàgli da mangiar bene... È stanco morto!... Gantine, non è tornato?

Annesa.

Dal podere, sì... ma è ancora in giro per il paese. [p. 31 modifica]

Ballore.

Gantine non è quel garzone che avete raccolto da bambino?

Paulu.

Raccolto e allevato... Un fannullone... un poco di buono.

Donna Rachele.

Non è vero!... È un buon ragazzo... Di’ piuttosto che è troppo giovane... quasi un fanciullo.

Don Simone.

Nondimeno, gli vuoi dar moglie!... Meno male che... lei non lo vuole!

indica Annesa, ridendo. —

Si bussa alla porta di casa: — Annesa va ad aprire.

Donna Rachele.

Dev’essere prete Virdis!

Don Simone

si alza e va incontro al prete sino alla soglia.

Salute, Reverendo!... Salute all’amico!