La Cicceide legittima/I/CCXC

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCXC ../CCLXXXIX ../CCXCI IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCLXXXIX I - CCXCI
[p. 147 modifica]

Nel medesimo soggetto della morte di D. Ciccio.
Al Sig. Conte Ronchi.

ccxc.

AHi, ahi, Giuseppe, ahi me ne crepa il cuore!
     Nè trovo alcun valevole conforto
     A render men penoso il mio dolore;
     4Ahi, ahi, D. Ciccio il poverello è morto.
E’ morto, e ’l Ciel non si colmò d’orrore
     Nel fare al Mondo tutto un sì gran torto!
     Torto, per cui se n’ode alto il clamore
     8Da l’Indo al Mauro, e da l’Occaso a l’Orto.
A me però di sua mortal sciagura
     E’ la novella rea sopravvenuta
     11Improvvisa cosi, quant’ella è dura,
E da chi può tal cosa esser creduta,
     Che un C.... fatto sol da la natura
     14Per dar la vita altrui, l’abbia perduta?