La Cicceide legittima/I/CCXXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCXXI ../CCXX ../CCXXII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCXX I - CCXXII
[p. 112 modifica]

D. Ciccio è percosso da bella Donna con una padella perchè stese la man per toccarla

ccxxi.

D. Ciccio, ch’è in amor perduto affatto
     Stando con la sua Donna un dì soletto,
     De l’ardor che per lei nudria nel petto
     4Si mise tutto a raccontarle il fatto.
Ma perchè nel gestir fece un cert’atto,
     Ch’era espressivo di carnale affetto,
     Pres'ella una padella, e con dispetto
     8Glie la diè su la chierica di piatto.
Allora uscendo insucidito, e brutto
     Fuori del cucinevole conflitto,
     11Aimè, disse, a qual segno io son ridutto!
O che v’è la padella, e che l'afflitto,
     E misero mio core è già distrutto,
     14Ben a ragion mi si può dir - sei fritto.