La Costa d'Avorio/28. Il ritorno di Gamani

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28. Il ritorno di Gamani

../27. Il cabecero Ghating-Gan ../29. Nella tana del leone IncludiIntestazione 21 febbraio 2018 75% Da definire

27. Il cabecero Ghating-Gan 29. Nella tana del leone


[p. 204 modifica]

28.

IL RITORNO DI GAMANI


Tre giorni erano trascorsi dalla partenza del corriere di Ghating-Gan e del padre di Urada senza che più alcuna notizia fosse giunta ai due europei. Pareva che Geletè fosse troppo occupato nei preparativi della festa dei costumi per pensare all'ambasciata dei capi del Borgu e che il vecchio negro avesse trovato o dei gravi ostacoli, o nessun messaggero da fidarsi per mandare sue nuove.

Alfredo, le cui inquietudini aumentavano, non sapendo a che cosa attribuire quei ritardi e temendo sempre una sorpresa da parte dell'astuto Kalani, aveva proposto al cabecero di mandare degli altri corrieri ad Abomey per indurre Geletè a decidersi a ricevere l'ambasciata, ma senza alcun risultato.

Non era prudente irritare il feroce monarca, il quale avrebbe potuto prendersela col cabecero e far tagliare, senza tante cerimonie, la testa ai messaggeri importuni. Era necessario attendere il suo beneplacito ed armarsi di pazienza.

La sera del quarto giorno però, quando Alfredo ed Antao, dopo d'aver cenato, si preparavano a coricarsi, videro un negro attraversare rapidamente la piazza, come se avesse temuto di esser visto dalle amazzoni che stavano di guardia dinanzi ai palazzi reali, e precipitarsi verso l'apatam.

Temendo che fosse qualche importuno, si erano alzati per farlo allontanare, quando il negro si gettò impetuosamente dinanzi ad Alfredo, dicendo con voce soffocata:

– Oh, mio padrone!...

Il cacciatore, stupito, lo aveva prontamente afferrato per guardarlo in viso. Un grido, a malapena frenato, gli sfuggì:

– Gamani!... Tu!... Vivo ancora!... [p. 205 modifica]

– Sì, padrone – rispose il negro, ridendo. – Il tuo fedele Gamani, che tu credevi morto fra le foreste dell'Ousme, la notte che fu incendiata la tua fattoria.

– Lave dell'Etna!... Gamani!... Ma chi ti ha mandato qui? Come hai saputo che noi ci troviamo a Kana?... Parla, spicciati!...

– Morte di Urano, Nettuno e di tutti i pianeti conosciuti ed ignoti!... – esclamò Antao. – Gamani!... Sei vivo o sei un'ombra?...

– Sono in carne ed ossa, padron Antao – rispose il negro.

– Ma parla!... – esclamò Alfredo. – Non vedi che io muoio d'impazienza?... Chi ti ha mandato qui?...

– Un vecchio negro, padre di una amazzone che è con voi.

– Il padre di Urada!... – esclamarono Antao ed il cacciatore.

– Sì, sua figlia si chiama Urada.

– Ma eri ad Abomey?... – chiese Alfredo.

– Sì, padrone.

– Schiavo di Kalani, forse?...

– Sì, ma addetto al tempio dei serpenti e dei feticci.

– E di mio fratello, cos'è accaduto?... Parla, parla, Gamani!

– È vivo e porto i suoi saluti a te ed al padrone Antao.

– Ah!... Bravo piccino!... – esclamò il portoghese che era vivamente commosso. – Si è ancora ricordato di me!...

– Siedi, Gamani – disse Alfredo, spingendo innanzi una cassa. – Tu mi sembri assai stanco.

– È vero, padrone. Ho percorso le tre leghe che separano Kana dalla capitale, quasi tutte d'un fiato, per tema di venire ripreso e sono sfinito.

Antao sturò una bottiglia di ginepro, riempì una tazza e gliela porse, dicendogli:

– Bevi questo, poi parlerai.

Il negro tracannò d'un colpo solo il forte liquore, poi riprese:

– Ho molte cose da raccontare. Sappi innanzi a tutto, padrone, che tuo fratello sta bene e che non corre alcun pericolo, essendo sotto la protezione del re e dei sacerdoti. Egli è diventato una specie di feticcio che lo mette al coperto dalle vendette di Kalani.

– Sa ormai che noi siamo qui?... [p. 206 modifica]

– Sì, padrone e vi aspetta presto ad Abomey. Il padroncino è ben trattato, ma sospira il momento di abbandonare la sua prigione e di poterti abbracciare.

– Povero Bruno – mormorò Alfredo, con commozione. – Quali terribili momenti avrà passati, nelle mani di quei barbari.

– E Kalani? – chiese Antao.

– È sempre potente e gode la fiducia di Geletè e di Behanzin, il futuro re del Dahomey. Si può dire che tutti tremano dinanzi a lui.

– Si vede che nel Dahomey i bricconi fanno fortuna – disse Antao. – Se i miei affari andranno male, diverrò un furfante e verrò qui.

– Ma perché Kalani ti ha risparmiato? – chiese Alfredo.

– Non lo so, padrone, ma forse per dare un compagno a tuo fratello. Non è il padroncino che Kalani odia, ma te e lo ha rapito solamente per poter averti nelle mani.

– Lo avevo sospettato. Quel miserabile era certo che io sarei venuto nel Dahomey.

– Sì, ed aveva mandato numerosi drappelli di soldati verso le frontiere meridionali, per farti sorprendere ed imprigionare.

– Ed ora, spera ancora di vedermi giungere?...

– Lo teme sempre. Sente per istinto che un giorno o l'altro tu gli piomberai addosso e vive in continue inquietudini. Sa che tu non sei uomo da lasciargli nelle mani il padroncino.

– I suoi soldati, la notte che ci tesero un agguato sulle rive dell'Ousme, ti sorpresero sul sicomoro?...

– Sì, padrone. Avevano circondato l'albero in venti o trenta, minacciando di fucilarmi come fossi un pappagallo. Ne ammazzai due, ma poi dovetti discendere per non farmi fracassare le ossa. Fui legato e condotto verso la laguna, da dove assistetti, impotente, alla distruzione della tua fattoria ed al rapimento di tuo fratello.

– Ha fatto altri prigionieri, Kalani?...

– Nessuno altro.

– Ma come hai conosciuto il padre di Urada?...

– Avendo saputo che io ero un servo di tuo fratello, dopo d'aver ottenuto il permesso di entrare nella casa dei feticci, ieri venne a trovarmi e mi parlò di voi. Dapprima non lo credetti, anzi sospettai un tranello, ma ben presto mi persuasi della verità delle sue parole e tramammo la mia fuga. [p. 207 modifica]Non essendo io strettamente sorvegliato come tuo fratello, potei uscire dalla capanna dei feticci e abbandonare la città prima che i sacerdoti se ne fossero accorti.

– E quali notizie rechi da parte del vecchio negro?

– Buone per noi. Domani mattina giungerà il recade del re ed una scorta per condurvi ad Abomey. Sembra che a Geletè prema di farvi assistere alle feste dei costumi e che accetti di buon grado le vostre proposte.

– Cioè quelle dei capi del Borgu – disse Antao, ridendo.

– Ancora poche domande, poi ti lascerò riposare – disse Alfredo.

Poi incrociando le braccia e guardandolo fisso, gli chiese con voce sibilante:

– Credi che io lo possa uccidere?...

– Kalani?... – chiese il negro.

– Sì, lui!...

– Bada, padrone. Kalani è potente quasi quanto Geletè.

– Ti dico che non lascerò il Dahomey se non l'avrò ucciso.

– Sarà una cosa difficile, ma non impossibile.

– Potrò adunque vendicarmi di tutto il male che mi ha fatto e liberare la terra da quel mostro sanguinario?

– Sì, ma bisognerebbe approfittare della festa dei costumi, quando tutti sono ubriachi.

– Me lo ha detto anche il padre di Urada.

– So dove potremo sorprenderlo.

– E tu mi condurrai colà?...

– Sì, padrone; anch'io odio Kalani e sarei ben contento di ucciderlo, come il popolo di Abomey sarebbe lieto di vederlo morto. Egli è l'anima dannata di Geletè e di Behanzin.

– Sta bene: lo ucciderò – disse Alfredo con accento terribile. – Ora puoi riposarti.

Gamani, che non si reggeva quasi più, sfinito dalla lunga e rapidissima marcia, s'affrettò ad approfittare del permesso sdraiandosi su di una cassa.

Alfredo e Antao fecero il giro dell'apatam per accertarsi che la piazza era deserta, poi s'accomodarono anche essi fra le casse, vicino ad Urada.

L'indomani, ai primi albori, venivano svegliati dalla banda di Ghating-Gan, la quale si dirigeva verso la capanna facendo un fracasso tale da svegliare anche un sordo. [p. 208 modifica]

Questa volta però era preceduta non da quattro sole amazzoni, ma da una mezza compagnia ed era seguìta dal cabecero, da un inviato reale in alta tenuta, vestito di rosso e armato d'una spada coll'impugnatura d'oro e adorna del sigillo reale e da otto vigorosi negri i quali portavano due comode amache, riparate superiormente da una piccola tenda di cotone azzurro ed infioccata.

Ghating-Gan salutò, con maggiore deferenza del solito, i due ambasciatori, poi disse:

– È giunto un gran moce col recade. Siete attesi ad Abomey, dove verrete ricevuti cogli onori che spettano alla vostra posizione di ambasciatori d'una nazione potente e guerresca.

Il gran moce od inviato del re si fece allora innanzi, s'inginocchiò posando la fronte al suolo, dovendo parlare in nome del suo potente signore, poi disse:

– Do ai due ambasciatori il buon giorno in nome di Sua Maestà Geletè e reco l'ordine di condurli tosto ad Abomey: attendo.

Alfredo, per mezzo di Urada che serviva d'interprete, fece rispondere che ringraziava il grande monarca della decisione di ricevere l'ambasciata dei capi del Borgu, prima che avesse luogo la festa dei costumi, ma che prima di partire chiedeva qualche ora di tempo per preparare le sue casse, pregando il gran moce di attenderlo al palazzo reale.

– Sono agli ordini degli ambasciatori del Borgu – rispose il moce.

Ad un suo cenno le amazzoni, la banda musicale ed il seguito abbandonarono l'apatam per attendere l'ambasciata dinanzi al palazzo reale.

– Ma perché questo ritardo?... – chiese Antao ad Alfredo quando furono soli.

– Dimentichi Gamani?... – rispose il cacciatore. – Se lo conduciamo con noi sarebbe finita per l'ambasciata, poiché Kalani non tarderebbe a riconoscerlo.

– Cosa vuoi farne di lui?...

– Trasformarlo in un magnifico borgano. Gamani ci è necessario, conoscendo ormai le abitudini di Kalani e la capanna dei feticci che serve di prigione al mio piccolo Bruno. Affrettiamoci, poi partiremo.

Mentre i due dahomeni cominciavano a caricare le casse sui cavalli, Alfredo prese i suoi vasetti di colore ed in pochi minuti