La bella donna, che 'n virtù d'Amore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

L Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Sonetti Letteratura Intestazione 16 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 80 modifica]

     La bella donna, che ’n virtù d’Amore
Per gli occhi mi passò dentro la mente,
Irata e disdegnosa spessamente
Si volge nelle parti ’v’è lo core,
     5E dice — S’io non vo di quinci fore,
Tu ne morrai, s’io posso, tostamente. —
E quei si stringe paventosamente,
Che sente bene quant’è il suo valore.
     E l’anima che intende este parole
10Si lieva trista per partirsi allora
Dinanzi a lei che tant’orgoglio mena:
     Ma vien dinanzi Amor, che glie ne duole,
E dice — Tu non te ne andrai ancora; —
E tanto fa ch’ei la ritiene a pena.