La guerra del vespro siciliano/Indice

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Indice

../Capitolo XII IncludiIntestazione 4 maggio 2011 25% Da definire

Capitolo XII



[p. 345 modifica]

INDICE.




CAPITOLO PRIMO.

Intendimento dell’opera. Viver civile del secolo XIII. Potenza della Chiesa e della corte di Roma. Condizioni d’Italia e dei reami di Sicilia e di Puglia infino alla metà del secolo. Federigo II imperatore; e papa Innocenzo IV

Pag. 1


CAPITOLO II.

Papa Innocenzo perseguita Corrado; e alla morte di lui occupa le province di terraferma, e turba la Sicilia. Repubblica in Sicilia. Manfredi ristora l’autorità regia; e l’usurpa. A spegner lui, la corte di Roma pratica con Inghilterra e con Francia. In fine concede i reami a Carlo conte di Angiò. Passata di Carlo in Italia. Manfredi è rotto, e morto a Benevento. Carlo prende il regno. Dall’anno 1251 al 1266

11


CAPITOLO III.

La vittoria di Carlo innalza parte guelfa in Italia. Risorgon pure i Ghibellini, e chiaman Corradino all’impresa del regno. Sollevasi per lui la Sicilia. È sconfitto a Tagliacozzo, e dicollato a Napoli. Carlo spegne la rivoluzione in terraferma con rigore, in Sicilia con immanità. Eccidio d’Agosta. 1266-1268

32


CAPITOLO IV.

Re Carlo continua e trapassa gli abusi della dominazione sveva. Immunità ecclesiastiche. Novello baronaggio. Gravezze, e modi del riscuoterle. Demani, e bandite. Servigi, e soprusi che nascon da quelli. Amministrazione della giustizia, crimenlese, matrimoni, violenze alle donne. Violazione dei dritti politici. Riscontro delle condizioni di Sicilia e di Puglia. 1266-1282

42
[p. 346 modifica]

CAPITOLO V.

Relazioni straniere di Carlo I d’Angiò. Crociata e trattato di Tunisi. Carlo aspira all’impero greco. S’ingrandisce in Italia. È raffrenato da Gregorio X. Disegni di Niccolò III e nimistà di lui con Carlo. Pretensione di Pier d’Aragona al reame di Sicilia: supposte pratiche di lui per mezzo di Giovanni di Procida. Preparamenti di guerra in Aragona. Esaltazione di Martino IV. Armamenti di Carlo per l’Oriente. Sentimento nazionale manifestato in Italia contro i Francesi. Novelli aggravî che soffrono i Siciliani: richiami, umori, disposizioni loro. 1266-1282

73


CAPITOLO VI.

Nuovi oltraggi de’ Francesi in Palermo. Festa a Santo Spirito il dì 31 marzo: sommossa: eccidio feroce per la città. Gridasi la repubblica. Sollevazione di altre terre. Adunanza in Palermo, e partiti gagliardi che prende. Lettere de’ Palermitani ai Messinesi, i quali seguon la rivoluzione. Ordini pubblici con che si regge la Sicilia, e si prepara alla difesa. Opinione sulla causa prossima di questa rivoluzione. Marzo a giugno 1282

114


CAPITOLO VII.

Dolore e rabbia di Carlo all’annunzio della rivoluzione. Ordina la passata in Sicilia. con l’esercito disposto alla guerra di Grecia. Bolla del papa contro i ribelli; risposta loro. e legazione del cardinal Gherardo da Parma. Preparamenti di Carlo. e de’ Messinesi. Rotta dei nostri a Milazzo. Sbarco di re Carlo. Principî dell’assedio. Pratiche del cardinale entrato in Messina. Assalti minori. Stormo generale contro la città. Respinti i Francesi. Tentata la fede d’Alaimo capitano del popolo di Messina. Aprile a settembre 1282

146


CAPITOLO VIII.

Cagione della debolezza del governo preso nella rivoluzione. Si pensa a Pier d’Aragona. Sua partenza di Catalogna per Affrica; fatti militari; ambasceria a Roma. Parlamento in Palermo. che sceglie Pietro a re. Com’ei guadagna gli animi de’ suoi, e accetta la corona. Viene a Trapani. È gridato re in Palermo. Disposizioni per soccorrer Messina; oratori di Pietro a Carlo; ultimi fatti d’arme nell’assedio. Carlo sen ritrae con perdita e onta. Giugno a settembre 1282

172
[p. 347 modifica]


CAPITOLO IX.

Andata di re Pietro a Messina. Macalda moglie d’Alaimo. Fazioni navali. Pietro libera i prigioni di guerra. Parlamento in Catania. Trattato del duello tra i due re. Primi affronti delle soldatesche in Calabria. Carlo parte, lasciando le sue veci al principe di Salerno. Almugaveri. Vittorie di Pietro in Calabria. Vien la reina Costanza co’ figli in Sicilia. Principî di scontento tra i baroni siciliani e il re. Parlamento in Messina; ove Giacomo è chiamato alla successione, e ordinato il governo. Movimenti repressi da Alaimo. Gualtier da Caltagirone. Partenza di Pietro per Catalogna. Ottobre 1282 a maggio 1283

200


CAPITOLO X.

Nuovi preparamenti degli Angioini contro la Sicilia. Capitoli del parlamento di Santo Martino nel regno di Napoli. Nuove intimazioni del papa a re Pietro e a’ Siciliani: bando della croce: sentenza di deposizione di Pietro dal reame d’Aragona, e altre pratiche. Aperta ribellione di Gualtiero da Caltagirone. Vittoria dell’armata siciliana su la provenzale, nel porto di Malta, il dì 8 giugno 1283, e conseguenze di essa. Pratiche del papa a sturbare il duello. Andata di re Pietro in Catalogna e a Bordeaux; esito della scena del duello. Umori dei popoli del regno di Napoli. I nostri occupano alcune terre in val di Crati. Preparamenti di una nuova impresa sopra la Sicilia. Loria assalta con l’armata il regno di Napoli. Battaglia del golfo di Napoli il 5 giugno 1284, e presura di Carlo lo Zoppo. Sollevazione della plebe in Napoli. Maggio 1283 a giugno 1284

230


CAPITOLO XI.

Carlo, fatta cruda vendetta in Napoli, s’appresta a un ultimo sforzo contro la Sicilia. Vano assedio di Reggio. Seconda ritirata di Carlo. e audaci fazioni de’ nostri, che occupano molte terre in Calabria, val di Crati e Basilicata. Impresa dell’isola delle Gerbe. Sospetti del governo aragonese, e ruina d’Alaimo. Casi dei prigioni in Messina. Morte di re Carlo e di papa Martino. Provvedimenti della corte di Roma. Capitoli di Onorio. Insidia di due frati messaggi suoi in Sicilia. Giugno 1284-1285

272
[p. 348 modifica]


CAPITOLO XII.

Opere della corte di Roma contro Pietro d’Aragona. Concessione di quel reame a Carlo di Valois. Protestazioni e pratiche di Pietro. Contese di lui con le corti di Aragona. Lega di que’ baroni; grande esercito e armata che apparecchiansi in Francia. Invasione del Rossiglione. poi della Catalogna. Straordinaria fortezza e perseveranza di re Pietro; assedio di Girona. Morìa nel campo francese. Pietro ripiglia le offese. Fazioni di mare. Loria con l’armata siciliana riporta segnalata vittoria su i Francesi. Ritirata di re Filippo, e sua morte. Carlo lo Zoppo mandato prigione in Catalogna. Morte di Pietro. 1282-1285

308


FINE DELL’INDICE DEL PRIMO VOLUME.