Lasso, che feci! Abbandonai la bella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Ottoboni

L Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Lasso, che feci! Abbandonai la bella Intestazione 9 giugno 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Ottoboni


[p. 312 modifica]

X1


Lasso, che feci! Abbandonai la bella
     Sponda del Tebro, e volsi all’Adria il piede
     Cangiai la ferma in un’istabil sede,
     E la calma lasciai per la procella.
5L’unico pegno mio che vive in quella
     Per delizia del cuor l’occhio non vede:
     Perduti ho i dolci baci, e più non riede
     La frequente tra noi mensa, e favella
L’Ostro, ch’ei cinge, onde n’andai fastoso
     10Più di lui molto, io non mi veggio appresso,
     E ’l piacer, che ne trassi, or m’è penoso.
Così dagli anni, e dalle cure oppresso
     Mentre ricerco invan Figlio, e riposo,
     Ah che non trovo in me quasi me stesso!

Note

  1. Sonetto al Figlio, di cui segue la risposta.