Le Odi e i frammenti II/Lamentazioni

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lamentazioni

../Encomii ../Frammenti varii IncludiIntestazione 25 ottobre 2019 75% Da definire

Pindaro - Le Odi e i frammenti II (518 a.C. / 438 a.C.)
Traduzione di Ettore Romagnoli (1927)
Lamentazioni
Encomii Frammenti varii

[p. 277 modifica]



LAMENTAZIONI

[p. 279 modifica]

Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0290.png


Le lamentazioni (threni) erano canti in onore dei guerrieri e degli amici morti, nei banchetti celebrati in loro memoria. I frammenti delle lamentazioni pindariche si riferiscono quasi tutti ai misteri orfici e alla vita futura. Se ciò fosse di prammatica, non sappiamo; ma certo questi frammenti, come quelli dei partenii e dei ditirambi, hanno un colore ed un carattere speciale. E servono ad integrare il famoso brano dell’ode Olimpia II. Veramente, un po’ integrano, e un po’, anche, abbuiano; perché non tutti i particolari dei frammenti si inquadrano esattamente in quell’abbozzo di dottrina organica che si può indurre dall’ode. Io penso di poter lasciare al discreto lettore la fatica ed il piacere di un accordo fra le membra sparse di questa teoria mistica.

I

Questo frammento è riferito da Plutarco, che lo cita due volte, in due diversi opuscoli. Descrive la vita dei beati nel mondo ultraterreno; e offre un parallelo con la meravigliosa pittura della seconda Olimpia. Il secondo frammentino, riferito anche da Plutarco, in forma parafrastica, sembrerebbe appartenere ad una descrizione del mondo dei dannati. [p. 280 modifica]

Quando è qui notte, laggiù

scintilla per essi la vampa del sole.
E nel pomerio,
prati di rose purpuree,
con aurei pomi fittissimi,
ed ombre d’incensi,
E questi con ginnici ludi,
con dadi e corsieri
s’allegrano quelli e con cetere;
e il fior d’ogni bene
fra loro è in rigoglio.
Amabil fragranza
s’effonde per tutta la terra,
dai mille su l’are dei Sùperi,
commisti profumi;
e sfolgora lungi la fiamma.
...............
D’onde l’illimite buio
vomiscono i lividi fiumi

della foschissima notte.



II


Anche il seguente frammento è riportato da Plutarco nella «Consolazione ad Apollonio» (XXXV).

E tutti con prospera sorte,

pervengono a un termine
che scioglie ogni ambascia.
Le membra di tutti si piegano
di Morte all’ indomita possa;
ma resta un’immagine viva

dell’essere loro:

[p. 281 modifica]
ché origine ha quella

dai Superi. E mai non la scorge
chi opera desto;
ma spesso nei sogni, a chi dorme,
predice il giudizio
dell’opere buone e le ree.

III.


Stobeo, Fioril., 103, 6.
Dalla casa di chi ha

mai non va lungi la felicità.


IV


È citato dallo scoliaste alla prima ode olimpia (v. 127), come appartenente alle lamentazioni. Parlava di Pèlope, che, dopo uccisi tredici pretendenti d’Ippodamia, era stato abbattuto a sua volta dal quattordicesimo.

LA MORTE DI PELOPE


Uccise tredici uomini;
ma fu domato dal quattordicesimo.


V


È citato da Aristide (II, pag. 215 Keil). Forse apparteneva ad un contesto in cui si deplorava la morte immatura di un eroe.

Gli astri ed i fiumi ed i flutti del mare.

[p. 282 modifica]

VI
Citato da Clemente Alessandrino (Strom., III, 518), secondo cui si riferirebbe ai misteri d’Eleusi.

Beato chi scende sotterra

dopo veduti i misteri:
il fin della vita ei conosce,

conosce il principio sancito da Giove.


Framm. 132 Bergk.



Riferito da Clemente Alessandrino (Strom., IV, 640), senza nome d’autore; ma assai probabilmente sarà di Pindaro.

L’alme dei reprobi svolano

lontane dal ciel, su la terra,
fra doglie cruente, nei vincoli
d’ ineluttabili mali.
Quelle dei pii, su nel cielo
dimorano, e il sommo Beato

con inni, con cantici esaltano.


Framm. 133 Bergk.
Riportato da Platone, Menone, p. 81 B.


E a quanti concede Persèfone

riscatto dal lutto vetusto,
dopo nove anni, di nuovo

l’anima al sol ne rilascia.

[p. 283 modifica]
Da questa i sovrani mirabili,

e quanti son pronti per possa,
e insigni per somma saggezza,
derivano. E sempre, nel corso dei secoli,

sacri eroi son chiamati dagli uomini.

Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0294.png