Le odi di Orazio/Libro secondo/II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo
II

../I ../III IncludiIntestazione 14 gennaio 2015 100% letteratura

Quinto Orazio Flacco - Odi (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1883)
Libro secondo - I Libro secondo - III
[p. 69 modifica]

II.


Non ha, celato nelle terre avare,
    Color l’argento, o del metal nemico
    Crispo Sallustio, se di moderato
        4Uso non splenda.

Vivrà lunghi anni Proculejo, insigne
    Per cor paterno verso i suoi fratelli
    Lui porterà su penna imperitura
        8Fama immortale.

[p. 70 modifica]


L’avido spirto dominando, avrai
    Regno più vasto, che se Libia a’ Gadi
    Remoti aggiunga, e l’un Punico e l’altro
            12Serva a te solo.

Cresce indulgendo a sè l’idrope fiera,
    Nè il sitir caccia, ove del morbo il seme
    Via da le vene e l’egro umor dal corpo
            16Scialbo non fugga.

Toglie Virtù da la beata schiera
    Fraàte che di Ciro al soglio torna;
    E, al vulgo avversa, al popol disinsegna
            20Usar le false

Voci, securo regno e díadema
    E proprio alloro a quell’un solo offrendo.
    Che guardi senza bieco occhio le ingenti
            24Ricchezze accolte.