Le poesie di Catullo/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104

../103 ../105 IncludiIntestazione 22 ottobre 2010 100% poesie

Gaio Valerio Catullo - Poesie (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1889)
104
103 105
[p. 137 modifica]

Credi, ch’abbia potuto dir male io di colei,
     Ch’amo più della mia vita e degli occhi miei?

Oh, allor non arderei fra sì pazzi tormenti.
     Sì mostruose frottole tu con Tappone inventi.