Le rime della Selva/Parte prima/Al novo giorno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Parte prima - Al novo giorno

../Sole morto ../Mi contraddico? IncludiIntestazione 25 novembre 2016 100% raccolte di poesie

Parte prima - Sole morto Parte prima - Mi contraddico?


[p. 116 modifica]

AL NOVO GIORNO.


 
O novo giorno che schiari
  Là ’n fondo il ciel, ti saluto;
  Ma non ti do il benvenuto
  4Che s’usa dare a’ tuoi pari,

E che gli uccelli del bosco
  Ti danno in loro linguaggio,
  Quando col primo tuo raggio
  8Fai tremolar l’aer fosco.

Il benvenuto non posso,
  Non posso dartelo, come
  Fanno, per dir qualche nome,
  12Lo sgricciolo e il pettirosso.

[p. 117 modifica]


Ti darò più volentieri
  Il benandato, a quel modo
  Che, dopo il solito approdo,
  16Lo detti al giorno di ieri;

E lo darò, se Dio vuole,
  Al giorno ancor di domani,
  Poi che ne’ cieli lontani
  20Sarà dileguato il sole.

Gran cosa strana, chi bene
  Ci abbia su meditato!
  Appena un giorno è passato,
  24Ecco che un altro ne viene;

E poi un altro ed un altro
  Ancora, in processïone....
  Se alcun ne sa la ragione,
  28Quel tale è di me più scaltro.

O luce crepuscolare,
  O novo e pallido giorno,
  Che vieni a fare qua ’ntorno,
  32Se non c’è nulla da fare?

[p. 118 modifica]


Nulla da fare, m’intendo,
  Che meriti d’esser fatto,
  E che mi valga, al baratto,
  36Quel tanto almen ch’io vi spendo.

O novo giorno che spunti
  Con un bagliore d’orpello;
  O novo giorno, fratello
  40Di tanti giorni defunti;

Non fare troppo apparecchio
  In isgusciare dall’ovo,
  Perchè, se ora sei novo,
  44Stasera poi sarai vecchio.

Vecchio e finito. — Dio buono!
  Chi è che sa dirmi al vero
  Ov’abbian lor cimitero
  48I giorni che più non sono?