Lettera di Agnolo Firenzuola a Pietro Aretino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Agnolo Firenzuola

1541 A Indice:L'asino d'oro.djvu lettere letteratura A Pietro Aretino Intestazione 21 maggio 2012 100% letteratura

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
[p. xiv modifica]

Al Divino Signor, Signore e Patron mio

Messer Pietro Aretino.


Divinissimo uomo, quanto ha da ringraziar Iddio il Firenzuola, poi che li tocco a conoscere la prima indole di tanta divinità, ed in Perugia prima e poi in Roma, ha ben ragion da dolersi, poi che non li è stato concesso goderla in solio maiestatis, perchè una lunga infermità di anni undici, mi ha relegato in Prato, assai orrevole castello in Toscana. Ora avuto per passo piccola e breve occasione di scrivervi per persona fidata non ho potuto mancar di avvisarvi ch’el Firenzuola è vivo, ed in istato di convalescenza, e desideroso di vostra grandezza, baciandovi le divine mani. Da Prato il dì V di ottobre del XLI.

Di V. grandezza Deditissimo

IL FIRENZUOLA.


Testi correlati