Manuale teorico-pratico per la coltivazione della vigna latina/IV/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Abbassamento dello sperone

../III ../V IncludiIntestazione 18 maggio 2020 100% Da definire

IV - III IV - V
[p. 66 modifica]

CAPITOLO IV.

Modo di abbassare lo sperone
con un nuovo capo-testa.


167. — Avviene che per l’operazione precedente la vite, innalzandosi troppo, non istà più in simmetria con le altre, e non le sono più adatti gli ordinarii sostegni.

168. — In questo caso conviene abbassarla. Ed ecco come. Si osserva se per avventura dal suo ceppo venisse fuori un succhione (bastardo) così basso e cosi ben collocato da poter alla sua volta costituire un nuovo sperone. [p. 67 modifica]

Custoditelo gelosamente, allacciandolo leggermente alla canna vicina; e quando avrà raggiunto il sesto nodo, mozzatelo. L’anno seguente troncatelo sopra due occhi, ed avrete così uno sperone in modo che la vite ritornerà alla giusta altezza.

169. — Che se questo succhione, o bastardo, non comparisce spontaneamente, conviene averlo per forza, come ce lo insegna il professor Ottavi.

Qualora non vi sia più sul ceppo un tralcio adatto a formare i due capi a legno per l’anno seguente, si tronca tutto, meno il capo a frutto, al quale pure si lasciano poche gemme, e nel tempo istesso si lavora e si concima bene la terra.

La vite, così trattata, accrescerà la sua vigorìa, ed il concentramento di umori farà sbucciare il bastardo desiderato per guidarlo poi come si è detto di sopra.

170. — Vi è anche un altro modo usato dall’ingegnere cavaliere Scalini di Como, ed è di praticare nel ceppo, sotto l’incisione del capo a frutto, una forte strozzatura con vinco, in conseguenza della quale spunteranno inferiormente dei bellissimi succhioni.