Mie deluse speranze! Io già credea

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pompeo Figari

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Mie deluse speranze! Io già credea Intestazione 15 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pompeo Figari


[p. 170 modifica]

VI


Mie deluse speranze! Io già credea
     Per man di lontananza il cuor disciolto;
     E nell’obblio l’antico anor sepolto,
     Della mia libertà fra me godea.
5Ma di questa, non so se Donna, o Dea,
     Riveggio folgorare appena il volto,
     Che nuovamente entro a’ suoi lacci avvolto
     Torno ad amar chi di mia morte è rea.
Tale, ahi lasso!, Uom, che nacque altrui soggetto,
     10Se mai da lungi l’odiosa e dura
     Catena obblìa, poi da vicin n’è stretto,
Tal, se lungi dal Sole onda s’indura,
     Prova, stemprata al di lui primo aspetto,
     Che sembiante cangiò ma non natura.