Novella IX della Giornata I del Decamerone. Livinallongo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cyprian Pescosta

N Novella IX della Giornata I del Decamerone. Livinallongo Intestazione 15 maggio 2016 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Novella IX della Giornata I del Decamerone. Livinallongo

Dirè dunque, che åi tẹmp dẹl prum Rẹ dẹ Cipri, dẹspò che la Tẹrra Santa è stata vadagnẹda da Go̮ttifrè de Buglio̮n ẹllẹ succedù, che na no̲bil signo̮ura de Guascogna è žuda a gliẹžia al Santo Sepo̮lcro. Tel reto̮rné da illò, ruåda a Cipri ẹlla stada maltrattada villanamẹnter da cattivi o̲mẹni, de cast la sẹn ha abú per mẹl zenza consolazion, che pẹnsa de ži a se lamẹntè dal Re. Ma l' i è stè dit per valgun, che la perdẹssa la fadia de bån, pertġi l' era de temperament così frat e da puo̮c, che no̮ solamẹnter no̮ vendicava con giustizia le offese dei autri, må zenza fin, de calle fatte ad al, con vergo̮gnousa viltà ne sopportava, cosichè ognun, che aveva velc sul stomec, lo sfogava senza sen fè velc danfora o se vergognè. La signo̮ura al sentì casta co̲sa, desperada de no se podei vendichè, per na consolazion della sua tristezza, se è reso̲lta de volei ingiuriè la miseria del Rẹ. E ella è žuda braglan davant al Rẹ e ha dit: "Mi Signo̮ur, mi vágne alla tua prešanza no perchè me aspette vendatta dell' ingiuria, che è stada fatta a me, ma per soddisfazion de calla te preje, che ti te me insegne co me ti te soffre calle, che sente se feš a te, perchè coll' imparè da te, mi posse comporte con pazienza la mia, che Dio lo sa, se mi el podesse fè, gian tela donasse, perché te sei tan valent dalle portè." El Rẹ, che fin a call' ora fo̲va ste tan paltron e peigher, come ch' el se dešedasse dal so̮n, ha scomẹnćè dall' ingiuria fatta a casta signo̮ura, che la ha vendicada rigorosamẹnter, è deventè uṅ ševerissimo persecuto̮r de ognuṅ che contra l' ono̮ur della coronå commettassa velc da call' outa in là.