Novelle (Bandello, 1910)/Parte II/Novella XXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XXXV - Un gentiluomo navarrese sposa una, che era sua sorella e figliuola, non lo sapendo
Parte II - Novella XXXIV Parte II - Novella XXXVI
[p. 243 modifica]

IL BANDELLO

al magnifico

messer girolamo ongaro

mercante luchese


Spesse fiate sogliono avvenire casi cosí strani che, quando poi sono narrati, par che piú tosto favole si dicano che istorie, e nondimeno son pur avvenuti e son veri. Per questo io credo che nascesse quel volgato proverbio: che «il vero che ha faccia di menzogna non si deverebbe dire». Ma dicasi ciò che si vuole, ch’io sono di parer contrario, e parmi che chiunque prende piacer a scriver i vari accidenti che talora accader si veggiono, quando alcuno gliene vien detto da persona degna di fede, ancor che paia una favola, che per questo non deve restar di scriverlo, perciò che, secondo la regola aristotelica, ogni volta che il caso è possibile deve esser ammesso. Per questo io che per preghiere di chi comandar mi poteva mi son messo a scriver tutti quegli accidenti e casi che mi paiono degni di memoria e dai quali si può cavar utile o piacere, non resto d’affaticar la penna, ancora che le cose che mi vengono dette paion difficili ad esser credute. Onde al presente una novella ho deliberato annotare, la quale parrá a chi la leggerá molto strana. Era madama Gostanza Rangona e Fregosa mia padrona a Bassens, ove giá da molto tempo se ne sta, invitata da l’amenitá de l’aria. Questo luglio prossimamente passato ci venne madama Maria di Navarra, la quale sovente ci suol venire e diportarvisi; onde un di, parlandosi di varie cose, ella narrò a madama nostra alora e a tutti noi altri che di brigata eravamo, come un gentiluomo ignorantemente prese per moglie una sua figliuola e sorella: il che parve a tutti stupendissimo e miserabil accidente. Avendo adunque io descritta questa istoria secondo che essa madama [p. 244 modifica]244 PARTE SECONDA Maria narrò, quella al nome vostro ho intitolata, a ciò che essendo poco che una mia novella mandai al signor Marco Antonio Giglio, tanto nostro, voi anco ne abbiate un’altra. State sano. NOVELLA XXXV Un gentiluomo navarrese sposa una che era sua sorella e figliuola non lo sapendo. Nel tempo de la felice memoria del re Giovanni di Alebret, mio padre e signore e re di Navarra, fu una vedova nobile la quale aveva un figliuolo, senza più. Questo suo figliuolo essendo de l’età di quindeci anni s’innamorò d’una donzella de la madre, e si fieramente n’era innamorato che senza lei non sapeva vivere, di modo che giorno e notte l’era sempre a canto e per la costuma del paese nostro — è che tutti gli uomini sono molto familiari e domestici con le donne, — la basciava e scherzava con lei quanto voleva, non vi mettendo fantasia né la madre né altri. Ma egli dei basci punto non si contentava, ed averebbe voluto venire a l’ultimo fine che communemente in amor si ricerca. La giovane, che altro aveva in capo e sapeva che costui per la diseguaglianza che ci era non l’averebbe presa per moglie, se gli mostrava molto ritrosa e non voleva oltra i basci di cosa alcuna meno che onesta compiacergli. Di che il giovine viveva in pessima contentezza e la sua innamorata molto più che prima molestava, sforzandosi con ogni ingegno ed industria d’indurla a far i suoi voleri. Ma il tutto era indarno, perciò che ella non era disposta a modo alcuno a fargli di sé copia. Onde veg- gendo ch’egli più s’accendeva e si mostrava più bramoso di pervenir a l’ultimo piacer de l’amore, non potendo né volendo sofferir più cotanta seccaggine, si dispose di far a la madre di lui la cosa manifesta. E cosi un giorno, pigliata l’oportunità, in questo modo le disse: — Padrona mia, se voi non rimediate a la importunità del vostro figliuolo, che non mi lascia vivere e vorrebbe levarmi il mio onore, io sarò astretta a partirmi da voi, perciò che egli non mi lascia mai star un’ora che non mi sia [p. 245 modifica]NOVELLA XXXV 245 a torno e che non mi richieda del mio amore con atti che non mi piaceno. Comandategli che non mi dia fastidio e che mi lasci far i fatti miei e attendere come debbo a servirvi; altri¬ menti io me ne ritornerò a casa mia. — La vedova, udendo questo amor del figliuolo, disse a la giovane che se egli più le diceva nulla, che gli desse buone parole e tenesse con speranza, e che ultimamente gli promettesse compiacergli e gli assegnasse la notte, ne la quale ella si metterebbe in vece di lei nel letto suo e farebbe tal scorno al figliuolo che lo farebbe distorre da questa impresa. La giovane più oltra non pensando fece quanto la padrona l’aveva comandato. La vedova, o ch’ella fosse di¬ sonestamente del vietato amor del figliuolo accesa o che pure in effetto gli volesse far un gran romore in capo per fargliene una gran vergogna o che che se ne fosse cagione, fece dar la posta al figliuolo da la donzella e in luogo suo andò e si corcò nel letto. Il giovine, avuta questa promessa, si trovò il più allegro e contento uomo del mondo, e a l’ora deputata andò e appresso a la madre, dispogliatosi, in letto si mise. Era la vedova assai giovane ancora, di trentuno in trentadui anni, e sentendosi il figliuolo appresso e in lei destatosi il concupiscibile appetito, quello non come figliuolo ma come caro amante ne le braccia ricevendo, del suo corpo impíamente gli compiacque. Egli che mai più non era con donna carnalmente giaciuto, non sapendo discerner Tesser d’una vergine da una corrotta, fece valente¬ mente il poter suo ed impregnò la madre quella notte ¡stessa. La quale per levar l’occasione di più tornarvi, essendo pentita de la commessa sceleratezza, mandò il di seguente la donzella a casa d’un suo vicino parente, trovando certe sue scuse; e poi si mise ad essortare il figliuolo che volesse andar a la corte del re Lodovico duodecimo e non perder più tempo a casa, essendo già in età di poter travagliare. Fu cosa facile il per¬ suadere al giovine l’andare in corte; il perché messo da la madre ad ordine di ciò che era bisogno, andò in corte e si mise a servir il re Lodovico. La vedova, come si senti di certo esser gravida, si trovò la più disperata donna del mondo, avendo prima innanzi agli occhi l’enormissimo peccato che commesso aveva, [p. 246 modifica]246 PARTE SECONDA e poi non sapendo come far a partorire che non restasse sver¬ gognata. E pensando bene sovra i casi suoi, deliberò di sco¬ prirsi ad un suo cugino che stava in un suo castello non molto lungi da lei. A costui dunque ella manifestò il tutto, pregandolo caramente che di lei a un tratto avendo pietà pigliasse cura de la vita e de l’onor di lei. 11 parente, uomo da bene, conside¬ rando l'errore esser già fatto e che rimedio non ci era a fare che fatto non fosse, si dispose a salvezza de l’onor de la pa¬ rente e le disse: — Cugina mia, qual sia l’errore in che sei cascata, tu stessa lo sai. Egli è fatto ed altro rimedio non ci è se non che tu l’acconci con Dio, confessandoti del tuo pec¬ cato e facendone la penitenza che data ti sarà. Al rimanente 10 metterò bene con l’aiuto di Dio tal rimedio che niente se ne saperà. Tu verrai a starti meco e là partorirai. Io provederò di nutrice per la creatura che nascerà e la farò nodrire come cosa mia, e la cosa anderà di modo che nessuno risaperà i casi nostri. — Andò la donna al castello del cugino, e cosi come egli detto aveva, con effetto fece, perché, appostata al tempo del partorire una nutrice, si ben seppe fare che egli levò il parto de la cugina senza aita di persona; ed avendo ella partorito una bellissima figliuola, come sua e d’una donna che diceva aver ingravidata, la diede ad esser allattata e nodrita e la fece bat¬ tezzare. E si bene andò la bisogna che né uomo né donna del mondo di cosa alcuna s’accorse. La vedova poi, mostrando alquanto esser stata indisposta, se ne tornò al suo castello. Fu nodrita la figliuola nasciuta e diligentemente allevata, la quale diveniva ogni di più bella; ed avendo circa tre anni, la donna la prese in casa, dicendo che voleva allevarla per l’amor di Dio. Cresceva la fanciulla e mirabilmente ogni di più bella si faceva, di modo che essendo di nove o dieci anni era tanto formosa ed aggraziata che la reina di Navarra, udita la fama de la bellezza di quella, la volle vedere e, trovatala molto più bella che non credeva, la domandò in dono a la gentildonna ed ebbela. La fece la reina star con le sue damigelle ed inse¬ gnarle lavorar quei lavori che le damigelle fanno. La fanciulla 11 tutto benissimo apparò e divenuta molto grande, avendo di [p. 247 modifica]NOVELLA XXXV 247 già passati i quattordici anni, era tenuta la più leggiadra e for¬ mosa damigella che in tutto il reame di Navarra fosse. 11 giovine figliuolo de la vedova e padre di questa damigella era conti- novamente stato in corte del re Lodovico, ché mai non era venuto a casa; onde volendo venir a veder la madre e riconoscer le cose sue, con buona grazia del re se ne venne. Essendo stato otto o dieci di con la madre, le disse una matina: — Madre mia, egli mi pare che il debito mio sia d’andar a far riverenza a madama la reina di Navarra nostra padrona. — Tu farai bene, figliuol mio, ad andarvi — rispose la madre. — Raccomandami bene a la sua buona grazia. — Andò il gentiluomo, che già era vicino ai trent’anni, e fece riverenza a la reina, da la quale fu graziosamente accolto. Essendo tutto il di in corte e praticando con le damigelle, s’innamorò molto fieramente di sua figliuola e cominciò assiduamente a farle la corte e servirla. La reina, che cordialmente amava la damigella, n’aveva piacere, parendole se il gentiluomo l’avesse pigliata per moglie, che sarebbe stata bene ed onoratamente maritata. Ora la cosa andò tanto innanzi che con buona grazia de la reina il giovine senza saper altro sposò la propria figliuola e consumò seco l’atto matrimoniale, e poi a la madre ne diede avviso, come per compiacer a la reina aveva sposata la tal damigella. La povera donna, sentendo questa orribil nuova, tutta stordi e gravissimamente infermò. E conoscendosi vicina al morire, si confessò con il vescovo de la sua diocesi e a lui il fatto come stava del tutto aperse, e do¬ lente e pentita del suo peccato se ne mori. Era già morto il suo cugino che era del fatto consapevole. Poi che ella fu morta, il vescovo secretamente il tutto manifestò a la reina, la quale, inten¬ dendo che nessuno ci era vivo che il fatto sapesse se non il vescovo che ne l’ultima confessione de la donna inteso l’aveva, non volle che altrimenti se ne parlasse, ma che il marito e moglie, padre e figliuola, fratello e sorella, in buona fede si lasciassero, i quali forse oggidi sono ancor vi [p. 248 modifica]