Novelle (Bandello, 1910)/Parte III/Novella XXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XXXVII - Teodoro Zizino, sprezzato dalla sua innamorata, s’ammazza in Raglisi

../Novella XXXVI ../Novella XXXVIII IncludiIntestazione 29 settembre 2017 25% Da definire

Novella XXXVII - Teodoro Zizino, sprezzato dalla sua innamorata, s’ammazza in Raglisi
Parte III - Novella XXXVI Parte III - Novella XXXVIII
[p. 349 modifica]

IL BANDELLO

al magnifico e vertuoso

messer tomaso pagliearo


Suole il nostro messer Giovanni Figlino fare spesso il viaggio da Ragusi a Milano, essendo giá molti anni che a Ragusi tien casa, ove di continovo ha un fondaco di mercanzie d’Oriente. E nonostante che in Milano sia di nobilissima ed antica famiglia e d’oneste ricchezze possessore, nondimeno egli molto profittevole ed onoratamente l’essercizio di mercante fa, e sempre, quando viene, porta a donar agli amici suoi e parenti mille belle cosette, e a me, che certo non mediocremente ama, o porta o manda ogni anno un mazzo di calami di quelli del Nilo, i quali per iscrivere sono perfettissimi. Ora essendo questi di venuto secondo la sua costuma di Levante, e ritrovandosi con molti gentiluomini e gentildonne di brigata in casa de la signora Ippolita Bendvoglia, ella lo domandò che devesse dire qualche cosa di nuovo de le novelle di Ragusi. Onde egli per ubidire rispose che narrerebbe un pietoso caso nuovamente in Ragusi avvenuto, essendo egli lá e conoscendo tutti quelli che ne l’accidente intervennero. Il perché, fatto da la compagnia silenzio, cominciò messer Giovanni a narrare la sua istoria; la quale, finita, empi di meraviglia e pietá tutta la compagnia. Finita che fu, la signora Ippolita mi comandò che io la devessi scrivere ed al numero de le mie novelle aggiungere; il che quell’¡stesso di, essendo la novella non molto lunga, feci. Pensando poi a cui io quella devessi donare, voi subito m’occorreste, a cui io tanto sono debitore, si per l’amore che sempre portato m’avete ed altresí per molti piaceri da voi ricevuti, i quali mi vi rendono eternamente ubligato. Quella adunque degnarete con quell’animo [p. 350 modifica]35° PARTE TERZA prendere che io al nome vostro l’ho intitolata. Vedranno costoro che cosi leggermente ne l’amorosa pania s’invischiano, quanto perigliose siano queste fiamme d’amore, quando regolatamente non sono governate. E certamente egli è pur un gran fatto cotesto: che tutto il di veggiamo mille scandali ne le cose amo¬ rose, che sono mal governate, accadere, e non ci sappiamo poi ne le nostre concupiscibili passioni regolare. Ma dove io dissi « non ci sappiamo », deve va io dire « non ci vogliamo », perciò che se volessimo, non sarebbe chi ne sforzasse già mai. Desi¬ deriamo adunque che il nostro signor Iddio per sua benignità ci doni la mente sana in corpo sano. Né più di questo; ma ascoltiamo ciò che il nostro Figino ci vuol dire di questa sua novella. Feliciti nostro signor Iddio tutti i vostri pensieri. NOVELLA XXXVII Teodoro Zizimo sprezzato da la sua innamorata s’ammazza in Ragusi. Poi che, signora mia eccellentissima, v’è piaciuto comandarmi che io con qualche nuova de le cose di Ragusi insieme con questa bellissima compagnia v’ intertenga, ancora che io non sia in narrar novelle essercitato, tuttavia, volendo ai vostri coman¬ damenti quanto per me si può ubidire, dirò brevemente uno strano e pietoso accidente quest’anno ne la città di Ragusi av¬ venuto. E perché la cosa fu per tutta la contrada publica e notissima, io porrò pure i veri nomi de le persone a cui il caso avvenne. Dicovi adunque che in Ragusi erano dui mercadanti greci, che di continuo se ne stavano insieme e mostravano amarsi molto cordialmente, e le loro faccende e ragioni de la mercadanzia facevano di brigata. Il più attempato, che perciò non passava trentasei anni, si chiamava Demetrio Lissi, e l’altro, che non arrivava al tregesimo anno, si domandava Teodoro Zizimo. Aveva Demetrio una bellissima giovane per moglie, chiamata Cassandra, la quale essendo stimata la più bella donna di tutto il paese, era anco tenuta onestissima; e con tutto questo ella era domestichissima e piacevole, e quella che meglio sapeva [p. 351 modifica]NOVELLA XXXVII .35 > jntertenere una compagnia che nessuna altra de la contrada. Ora praticando tutto il di Teodoro in casa di Demetrio e veggendo la beltà e i leggiadri costumi e le belle maniere di Cassandra, fieramente di lei s'accese. E come colui che era gentile ed assai discreto e conosceva quanto male a, lui si convenisse di far cosa che in danno cedesse o disonore al suo compagno, ardendo miseramente e non osando le sue passioni a la donna scoprire, tutto di giorno in giorno si struggeva. Egli, perdutone il dormire, il mangiare e il bere, divenne magro, malinconico e quasi come una fantasima. Demetrio gli domandò più volte la cagione di questo suo male, ma egli si scusava dicendo che non sapeva donde venisse. La donna anco gli diceva alcuna volta: — Teo¬ doro, mò che cosa è questa, che sei divenuto cosi malinconoso e disfatto, che solevi esser l’allegria del mondo? — Egli, invece di risponderle, fieramente sospirava. Pur un di, avendo deliberato prima che morisse voler il suo amore a Cassandra discoprire, e dicendogli la donna qual si sentiva, egli cosi le rispose: — Cas¬ sandra, io starei assai bene se mi conoscessi aver la grazia tua, senza la quale io mi sento manifestamente perire. — E qui, con quel miglior modo che seppe, le narrò tutto il suo amore, pre¬ gandola affettuosamente che di lui volesse aver compassione. La donna, udendo si fatta ed impensata cosa, agramente lo riprese di questo suo folle amore, e che questa non era la fede che De¬ metrio in lui aveva. Pertanto che si distogliesse da questa sua openione e non le ne parlasse mai più, perché s’affaticherebbe indarno, non essendo ella disposta a compiacere del suo amore a persona del mondo, se non al suo consorte. Teodoro, avuta da la donna sua questa risposta: — Or via, sia con Dio ! — le disse. — Voi volete ch’io mora, ed io son disposto a morire, conoscendo chiaramente che il tormento che, amando e non essendo amato, da me si soffre, a lungo andare mi condurrà a morte. Ma egli è pur meglio in un tratto uscir di pena e finirla che mille volte il di morire. — Cassandra, pensando che egli queste parole dicesse come fanno i giovini, non se ne curò e gli disse che attendesse ad altro, ché queste erano follie da pazzi. E cosi, sovravenendo alcuni, il ragionamento si fini. Restò Teodoro molto di mala [p. 352 modifica]352 PARTE TERZA voglia e quasi disperato, veggendo che di questo suo amore non era per coglier frutto alcuno. E non si possendo d'amar la donna distorre e talora sperando col tempo renderla pieghevole ai suoi appetiti, andava con false imaginazioni ingannando se stesso ed aspettando un’altra commodità di poter a Cassandra parlare. Ella, ancor che lo vedesse da quello che esser soleva tutto cam¬ biato, nondimeno non si poteva piegare ad amarlo se non come compagno ed amico del marito. Ora essendo Demetrio cavalcato fuor de la città, Teodoro, pensando che averebbe gran commodità di ragionar con Cassandra, che era rimasa con una sola fante in casa, se n’andò a trovarla, e la ritrovò che cuciva certi suoi lavori. Quivi postosi a sedere, andando la fante innanzi e indietro per cotali servigi che ne le case le massare fanno, entrò egli a supplicar essa Cassandra che di lui avesse pietà. La donna lo lasciò buona pezza cicalare, senza dirgli motto alcuno. A la line, mezza adirata, gli disse: —Teodoro, se tu vai dietro a queste tue pazzie, io mi ritirerò ne la mia camera e mai più non verrò ove tu ti sia, e sarai cagione che Demetrio s’avvederà del poco rispetto che tu gli porti. Lascia queste fantasie e attendi a la mer- cadanzia come di prima facevi, e farai molto meglio. Io te l’ho detto e di nuovo te lo ridico, ch’io non sono per compiacerti in questi tuoi disonesti appetiti già mai. Fa’ adunque pensiero che ciò che io ora ti dico sia il vangelo, e metti il tuo core in pace. — Altre assai parole Cassandra disse, che pur tutte tendevano a questo fine: che Teodoro si levasse da questa im¬ presa e attendesse ad altro. Mentre che Cassandra faceva il suo ragionamento, tutte le parole che diceva erano mortalissime ferite nel core del povero amante, che miseramente lo trafiggevano. Onde pensando fra sé essergli impossibile a poter più l’accer- bissime sue passioni sofierire, ebro di doglia e da quella accecato, preso un pugnale che a lato portava: — Eccoti, Cassandra — disse, — il fine de le mie pene, perciò che questo mi trarrà fuori d’ogni tormento. — E col fine de le parole alzando il destro braccio, s’andò a ferire nel petto a la banda del core. Cassandra, veggendo cosi estrema pazzia, saltò su e gli prese il braccio per vietar che non si ferisse; ma non puoté esser cosi [p. 353 modifica]NOVELLA XXXVII 353 presta né ebbe tanta forza che egli non si facesse una gran piaga nel petto. Vero è che la ferita fu sotto la poppa destra e andava verso il braccio, di modo che non si profondò troppo nel petto né fu mortale. Il sangue usci in gran copia; pure si ristagnò in poco d'ora. Corse la fante a questo spettacolo e dicendo: — Oimè, che cosa è questa? — Teodoro, a la presenza di Cassandra, le narrò tutta l’istoria del suo amore, astringendola a pregar la sua padrona che di lui avesse pietade. La fante, che era buona compagna, mossa a compassione del povero ferito, a la sua donna si rivoltò e cominciò a favore de l’infermo a portar gagliardamente i pollastri. Da l’altra banda Teodoro non man¬ cava a se stesso, aiutandosi con la lingua. Ora, che che se ne fosse cagione, parve che Cassandra alquanto s’intenerisse, e cominciò a confortar l’amante, essortandolo a far buon animo e attendere a guarire, e che più non tardasse d'andare a farsi medicare. Teodoro non si voleva partire se ella non gli prometteva averlo per servidore. Tanto seppe dire, aiutandolo la buona fante, che Cassandra gli promise, come fosse guarito, di compiacergli. Si parti con questa promessa l’amante e lieto a casa n’andò, ed ordita certa favola, che la notte precedente era stato ferito, fece venir uno cirugico, dal quale fu diligentemente medicato. E perciò che la piaga non era molto profonda, in poco di tempo guari. Come fu guarito, ritornò al suo solito essercizio, tentando ogni di Cassandra che gli volesse attendere quanto promesso gli aveva. Ella, che mossa da pietà e stimolata da la fante, aveva detto quelle buone parole per confortarlo, non già perché avesse animo di far cosa meno che onesta, si ritrovava tanto di mala voglia che non sapeva ove dar del capo. A la fine non sapendo che più farsi, non la cessando mai Teodoro di molestare e la fantesca sempre essortandola a compiacergli, disse un giorno a l’amante: — Teodoro, tu sei pur deliberato non mi lasciar vivere, tanta seccaggine mi dai! Io son certa che se a inio marito dirò questa cosa, che tra lui e te nascerà mortale nemistà, ed io mai più non sarò lieta. Per Dio, lasciami stare, io te ne prego, e non mi dar più molestia; altramente tu sarai cagione che io farò cosa per la quale mai più né tu né io saremo lieti. M. Uakdkllo, Novelle. [p. 354 modifica]354 PARTE TERZA Io prima sono disposta di morire che macchiar i’onor mio. — Partissi alora Teodoro e, andato al palazzo, prese un notaio ed autenticamente fece libera donazione di quanto aveva a Cas¬ sandra, e poi andatosene a casa, con quel pugnale col quale prima s’era ferito, non gli essendo chi l’impedisse, s’ammazzò. Divolgatasi poi la cosa per via de la fante, Demetrio, conosciuta l’onestà di Cassandra, volle che ella rinonziasse a la donazione e la donasse ad un picciolo fanciullo, figliuolo d’un fratello di Teodoro; il che ella fece molto volontieri. Di questo fu Demetrio molto da tutti lodato e Cassandra restò appo ciascuno in gran¬ dissima fama di bella giovane e d’onesta.