Novelle (Bandello, 1910)/Parte IV/Novella VII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella VII - Bella vendetta fatta da’ frati minori contro i mugnai di Parigi, che gli avevano sforzati a ballare

../Novella VI ../Novella VIII IncludiIntestazione 30 settembre 2017 25% Da definire

Novella VII - Bella vendetta fatta da’ frati minori contro i mugnai di Parigi, che gli avevano sforzati a ballare
Parte IV - Novella VI Parte IV - Novella VIII
[p. 159 modifica]

IL BANDELLO

al molto diligente e leale

messer

giulio calestano

salute


Per infinite prove piú fiate apertamente si è conosciuto, ne li casi che assai sovente a la sproveduta occorreno, il consiglio de le donne essere stato di gran profitto e giovevole a molti, ove assai uomini cosí tosto e si bene, e forse anco pensandovi su, non vi averebbero trovato rimedio veruno. Nondimeno io non consiglio donna alcuna che per questo si assicuri a fare cosa che si sia trascuratamente, perché non sempre riesceno tutte ben fatte. Prima le esorto a non fare cosa che riprendere e colpare si possa; e se pure talora per la fragilitá loro si lasciano da disordinato appetito trasportare, prima che mettano le mani in pasta, deveno maturamente discorrere ciò che può avenire e provedergli a la meglio che sanno, acciò, quando viene dapoi il bisogno, non siano còlte a l’improviso e dicano: — Oxmè, io non ci pensava l — come le poco avvedute sogliono dire. Ragionandosi di questa materia per una donna che in una terra qui vicina fu trovata col suo amante in letto dal proprio marito, si dissero in una bella e buona compagnia di molte cose, secondo li diversi pareri degli uomini. Si ritrovò in detta compagnia maestro Arnaldo da Bruggia di Fiandra, pittore, a mischiare diversi colori insieme per farne uno a suo modo, molto industrioso e singolare; il quale a questo proposito narrò una non troppo lunga novelletta, ove chiaro si vede l’avedimento di una donna a l’improviso avere servata la vita a la sua padrona e insiememente a uno mercatante fiorentino. Io, avendo essa novella secondo che fu narrata descritta, e sovenendomi di voi, che ancora nessuna de le mie novelle vi aveva data, deliberai che questa sotto il nome vostro fosse veduta e letta da quelli che de le mie ciancie prendono piacere, e anco perché res [p. 160 modifica]ti ióo PARTE QUARTA per memoria de la nostra mutua benevolenzia a chi verrà dopo noi. Vi prego adunque amorevolemente accettarla. State sano, e di me, che tanto son vostro, siate ricordevole. NOVELLA Vii (Vili) Accorto avediinento di una fantesca a liberare la padrona e l’innamorato di quella da la morte. Fu in Anversa, e forse ancora ci è, uno che era stato lungo tempo su le guerre che questi anni fatte si sono e ancora si fanno; il quale, per essere stato molto prode uomo ne l’arme, era assai adoperato da li suoi capitani con carichi onorevoli, e massimamente dal conte Burra, che li voleva grandissimo bene. Egli seppe si fattamente menar le mani, come si fa, su gli al¬ loggiamenti, che sempre tre e quattro ne aveva, che mise insieme buona quantità di danari; onde si deliberò lasciar il soldo e farsi mercatante. Egli era uomo di buono ingegno e, essendo da fanciullo dimorato alcuni anni in Anversa con uno grande mer¬ catante, aveva assai del mestiero mercantile appreso. Cominciò dunque a mercantare, e veggendo che in poco di tempo aveva fatto gran profitto, non contento di ciò che in Anversa traffi¬ cava, pose uno suo fattore a Bruscelles e li diede buona somma di danari, acciò li maneggiasse e ne traesse più profitto che si potesse, con quei mezzi che sanno adoperare li mercatanti. Aveva egli in consuetudine ogni sabato, per via del flusso e reflusso de l’Oceano, navigare a Bruscelles e, veduti li conti del suo fattore, tornarsene la domenica a buona ora in Anversa. Prese costui una bellissima giovane per moglie con assai buona e ricca dote. La giovane era forte bella, e forse in Anversa, ove sono pure di vaghe e belle donne assai, non vi era la pareglia di beltà. Di lei uno mercante fiorentino, uomo di trenta anni o trenta uno, si innamorò e cominciò farle la corte. Ma cosa che egli si facesse nulla di profitto li recava, perché la giovane non voleva intendere cosa che egli ricercasse da lei. Del che il mercante fiorentino si trovava mezzo disperato, e quanto più era da la donna rifiutato, tanto più parea che l’amore [p. 161 modifica]NOVELLA VII (Vili) l6l in lui verso lei si infiammasse e egli più si inanimasse a seguire l'impresa. A la fine ebbe modo con san Gioanni bocca d’oro di corrompere la fante de la donna, la quale fante seppe si ben dire e fare e con tante efficaci ragioni persuadere la madonna, che ella si piegò ad amare il fiorentino. E in vero il toscano era assai più bello giovane e più amabile che non era il fiam- mengo, che innanzi che no teneva uno poco del mal netto. Il perché vennero a la fine in questa conchiusione: che come il marito andasse a Brusceiles, egli sarebbe quella notte introdutto a giacersi con la donna. Venuto l’aspettato con gran desiderio sabbato, il marito de la donna, secondo il suo consueto, navigò verso Brusceiles, e il fiorentino a ora debita da la fante fu intro¬ messo in casa e intrò in letto a lato a la sua innamorata. Pensate mò voi se valentemente egli fece il debito suo. La fante, avendo lasciata la padrona bene accompagnata, acciò che la fantasma non le desse noia, andò per ¡scontro la casa, passata la strada, a giacersi con uno suo amico. Ma prima che uscisse di casa, mise uno servitore, consapevole del tutto, a la guardia de la porta, acciò che innanzi di potesse intrare in casa. Il marito de la donna, giunto a Brusceiles, in meno di una ora col fat¬ tore si ispedi, e con dui mercanti fiandresi si imbarcò e tornò in Anversa. È consuetudine de’fiandresi che, quando vogliono onorare uno amico forastiero, lo menano a l’ostaria e li fanno gran cera, mangiando e bevendo a la foggia loro. Poi che egli ebbe festeggiati e banchettati gli amici, se n’andò a casa e picchiò a l’uscio. Il servitore, che era a la guardia, disse: — Chi pic¬ chia? — Apri — rispose il mercante, — ché sono io. — Non sapendo il servitore che farsi, apri. Andò il padrone a la camera, ove ardeva un picciolo lume; e trovata la moglie con l’amante a lato, prese la spada per ucciderli. Ma pensando che sariano stati dannati ne l’inferno, si ritenne; e sceso a basso, commise al famiglio che andasse a dimandare il guardiano di San Fran¬ cesco, che subito venisse per cose di grandissima importanza. Non era a pena uscito il servitore, che la fante rivenne, la quale, intesa la cosa, volle ella andare. E fatto chiamare il guardiano, che era a mattutino, li narrò il fatto e da lui ottenne essere M. Bandello, Novelle. il [p. 162 modifica]PARTE QUARTA vestita da frate. E cosi di compagnia vennero a la casa, dove il mercante disse al guardiano ciò che da lui voleva. Andò suso il guardiano; e la fante in quello abito risvegliò gli innamorati, che, lassi da la fatica durata, dormivano; e desti, restarono smarriti udendo come il fatto stava. E non ci essendo tempo da perdere, il fiorentino subito si vesti e sopra i suoi panni si mise l’abito che la fante recato avea, e quella si coricò con la madonna. Discese il guardiano a basso col compagno, che, col collo torto, teneva il cappuccio su gli occhi; e trovato il mercatante, di cui era dimestico, li disse: — Voi me ne avete fatta una. Mi fate venire a questa ora straordinaria e mi date a intendere una favola disonesta, non so perché; e io non ho trovato in letto se non la vostra moglie con la fanticella a lato, le quali sono intrate in una gran còlerà. Che Dio ve lo perdoni, a infamare le persone! —Il mercatante, fora di sé, cominciò giurare che certissimamente in letto con la sua donna avea trovato uno uomo, che, con quella abbracciato, dormiva. — Voi ve ingan¬ nate — disse il frate, — e dubito che abbiate il male de le tra¬ veggole. Andate di sopra e mirate bene, ché vi sgannerete. 10 me ne vado al monistero. State con Dio. — Andò di sopra 11 buono uomo e trovò la fante a lato de la moglie, la quale, veduto il marito, di lui gravemente si lamenta e li menaccia, come sia venuto il giorno, volersene andare a trovar il padre, la madre, i fratelli, e far loro intendere i belli diportamenti suoi; e che sono già alcuni giorni che ella si accorge che il troppo bere li fa parere una cosa per una altra, e che quella notte deve a qualche taverna aver troppo banchettato. E allora la fante anco ella saltò su, dicendo che ella è stata tutta notte con sua madonna, che è una donna da bene, e che mai in lei non conobbe uno tristo atto. E qui fanno uno gran romore. A la fine il povero fiandrese si credette avere stravisto e dimandò perdono a la moglie, di modo che si rapacificarono tutti in¬ sieme. Si trovò poi modo, senza dare veruno sospetto, che li dui amanti si trovavano insieme a godersi amorosamente. E cosi il saggio avedimento e subito consiglio de la fante salvò la vita a li dui amanti.