Novelle (Bandello, 1910)/Parte IV/Novella VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella VI - Lungo, fortunato e segreto amore di due amanti, che in grande gioia vissero congiunti insieme per nodo maritale. Scopertosi poi il caso loro, per malignità della duchessa di Borgogna, amendue miseramente se ne morirono

../Novella V ../Novella VII IncludiIntestazione 30 settembre 2017 25% Da definire

Novella VI - Lungo, fortunato e segreto amore di due amanti, che in grande gioia vissero congiunti insieme per nodo maritale. Scopertosi poi il caso loro, per malignità della duchessa di Borgogna, amendue miseramente se ne morirono
Parte IV - Novella V Parte IV - Novella VII
[p. 149 modifica]

IL BANDELLO

al magnifico

messer gian domenico aieroldo

salute


Si trovarono qui a Bassens di compagnia alcuni gentiluomini a disinare con madama nostra Fregosa, li quali avendo di varie cose ragionato, ci fu uno buono compagno, nemico mortale de la malinconia, che disse: — Signori miei, voi séte intrati nel pecoreccio de le fole, a beccarvi il cervello a voler indivinare ciò che faranno questo anno il turco e il soffi; e nessuno di voi sa li consigli loro. Lasciateli fare ciò che piú loro aggrada, ché se bene si roinassero tutti dui, a noi che importa? Ci potria forse essere questo bene, che si accorderiano li nostri signori cristiani a ricuperare Terra santa. Parliamo di cose allegre, e se soggetto altro non ci è, intriamo a ragionare di questi generosi vini e bianchi e vermigli, che madama Fregosa ci ha dati, che in vero sono eccellenti e preziosi. — E cosí si intrò a ragionare del soavissimo liquore di Bacco, e quasi da tutti si conchiuse che queste contrade qui d’intorno producono ottimi vini di gusto saporoso e sano e, per bere ordinariamente a pasto, perfetti. Mi rincrebbe che il signor Geronimo vostro fratello, mastro di stalla del re di Navarra, non ci fosse, perché subito averebbe messo in campo quei potenti e fumosi vini navarresi, vini in effetto per berne il verno nel principio del desinare due dita; ché, per mio giudicio, chi li continovasse bere a tutto pasto, cocerebbero in poco tempo il fegato e coratella a chi troppo li continovasse. Sarebbe poi saltato a dire de li vini del suo castello de la Balla, li quali egli tiene non pure buoni ma [p. 150 modifica]PARTE QUARTA eccellenti, e non vuole che in conto veruno cotesti nostri ag¬ guaglino. Se io gli avesse gustati come ho fatto li navarresi, saprei in qualche parte che dirne. Ma, per quello che io intendo del sito di quello luogo, credo che sia generoso e molto buono. Si disse poi la vite essere arbuscello di molta stima, e che il nostro padre Noè ottimamente conobbe il suo valore quando piantò la vigna. Ma il povero vecchio, che era da fanciullo sempre stato avvezzo a bere acqua, sentendo la dolcezza de lo spremuto liquore de l’uva, bevendone alquanto intemperata¬ mente, come da insolita dolcitudine preso e invaghito, a poco a poco, non se ne accorgendo, egli divenne ebro. Eraci di com¬ pagnia uno svegliato e accorto giovane, che agli studi de la filosofia a Parigi assai tempo ha dato opera, il quale poi che ebbe detto molti buoni effetti che fa il vino moderatamente bevuto, discorse poi li danni e le perniziöse infermità che a li disordinati bevitori, che senza discrezione lo tracannano, suole causare; e a questo proposito ci narrò una picciola istoria. Questa, avendola descritta, la ho al nome vostro intitolata, e voglio che in memoria de la nostra mutua benevolenzia sia veduta. State sano. NOVELLA VI (VII) Bella vendetta (atta da’ frati menori contra li mugnai di Parigi, che gli aveano sforzati a ballare. Egli parrà forse ad alcuni, madama mia eccellentissima, che il parlar si lungamente del vino a la presenza vostra sia cosa non convenevole, ma più tosto materia da appetitosi e fora di modo ingordi bevitori, come è Gioanni da Reggio credenzero, che in la casa vostra a Verona ogni mattina a buona ora, a stomaco vóto, traguggiava uno grandissimo bicchiero di quello fumoso vino bianco di Saline; di maniera che in pochi giorni più di quindeci gran brente di vino tracannò, di modo che al tempo de li melloni, volendo li signori berne tre dita, non ce ne trovarono una goccia. Ha poi questa buona parte: che, capitando ogni di in questa casa assai forestieri, come ogni ora si vede, [p. 151 modifica]NOVELLA VI (VII) '5i questo cineiglione a tutti tiene compagnia; onde il più del tempo si trova ebro, e dice poi le maggiori pappolate del mondo. Ma dove sono io trascorso a parlare di questo mal netto porco ubriaco, che non merita che di lui.in cosi onorato luogo si parli se non come di Pilato nel Credo? Vi dico adunque che non è se non ben fatto a sapere la utilità che il buono vino moderatamente bevuto reca agli uomini, e per lo contrario quanto danno fa ogni volta che l'uomo lo beve o for di modo o guasto, perciò che in l'uno e l’altro modo infinitamente nuoce. Né questa è colpa del vino, che in sé è mirabilemente giovevole a li corpi nostri; ma il male proviene dagli uomini che non si sanno governare. Chi non sa che il buono vino maturo, chiaro e odorato, è uno liquore soavissimo, vero sostenimento de la vita umana, rigeneratore degli spiriti, rallegratore del core e restauratore potente e efficacissimo di tutte le vertuti e azioni corporali? Guardate al nome de l’arbuscello che produce questo sacro liquore. Egli pure si chiama « vite », perché nel vero egli dona la vita a l’uomo. Si dice anco ne la Sacra scrittura che il vino moderatamente bevuto è la esultazione de l’anima e del corpo, e che de li medesimi il sobrio bere è la sanità. Tutto questo ci dice il Sapiente. Ora per queste lodi attribuite al vino pare che il commune proverbio che si dice: che « il vino è il latte de li vecchi », sia ragionevolemente detto, perciò che sic¬ come il latte nodrisce tutti li piccioli fanciulli, cosi pare che ne la età senile e decrepita sia il perfetto vino la norritura e man¬ tenimento de la vecchiezza. Avete inteso la utilità che si cava dal vino, senza che di quello agli uomini e anco agli animali si fanno molte salutifere medicine. Ma guardino bene questi cinciglioni ubriachi, che non si mettano in capo avere da ogni ora il bicchiero in mano e a la bocca. Sappiano che ogni estremo ordinariamente è vizioso e nocivo; che sempre io ho detto che il vino vuole essere con misura bevuto e con onesto tempe¬ ramento. Odano ciò che dicono le sacre lettere. Non è egli scritto che molti più il troppo mangiare e bere ne ha morti, che non ha fatto il coltello? Non dice egli il Sapiente che il vino fa apostatare gli uomini saggi? e che esso vino è criato [p. 152 modifica]PARTE QUARTA da Dio per iocondità e non per inebriare? Non è egli scritto che il vino, for di modo preso, a molti è stato cagione chiara di fargli irritare e corrocciare, e che infiniti ne ha roinati? Certo che lo Ecclesiastico ha lasciato scritto che « il soverchio vino bevuto è la amaritudine de l’anima ». E questi sono pure danni grandissimi. Veramente il vino, quando si beve più del dovere, causa orrendi morbi e pestifere infermità. E secondo che è preso si come richiede il bisogno de la temperatura de li corpi nostri, conferisce molto al nodrimento del corpo, genera ottimo sangue, si convertisce prestamente a nodrire, accresce la dige¬ stione per tutte le membra e parti corporali, fa buono animo, rasserena l’intelletto, rallegra il core, vivifica gli spiriti, pro¬ voca l’orina, caccia la ventosità, aumenta il calore naturale, ingrassa li convalescenti, eccita l’appetito, rischiara il sangue, apre le oppilazioni, distribuisce il cibo nodritivo a le parti con¬ venevoli, fa buono e bello colore e caccia fuori tutte le super¬ fluità. Eccovi il bene. Ma voltiamo carta e veggiamo li mali. Questo prezioso e vitale liquore fore de l’uva premuto, se si beve senza modestia e senza regola, come sogliono fare gli ubriachi, infrigidisce per cagione accidentale tutto il corpo, suf- focando il calore naturale, come si estingue uno picciolo fuoco cui sovra sia gettata una gran quantità di legna. Nuoce al cer¬ vello, offende la nuca e debilita i nervi; onde causa assai so¬ vente apoplessia, cioè la goccia, paralisia, mal caduco, spasimo, stupore, tremore, abbagliamento di occhi, vertigini, contrazioni di giunture, letargia, frenesia, sordità e catarro. Corrompe poi i buoni e lodevoli costumi, perciò che fa diventare gli uomini cianciatori, sbaiaffoni, contenziosi, bugiardi, disonesti, lussuriosi, giocatori e furiosi e sovente micidiali. Guasta la memoria e rende, chi troppo ne ingoia, smemorato. Che dirò io de la podagra, chiragra e tanti altri morbi articolari, che tutti pro¬ vengono dal troppo immoderato bere? Dicono gli approvati medici che il vino conviene più a li vecchi che a tutti gli altri, con ciò sia cosa che tempra la freddura contratta con la lun¬ ghezza degli anni loro. Ma a li fanciulli e a li giovani sino a la età di venti anni non si conviene il vino in modo alcuno, secondo [p. 153 modifica]NOVELLA VI (VII) 153 l’autorità del grande Galeno, maestro de la vera medicina, di¬ cendo egli nei libri suoi Del modo di conservare la sanità che il dare bere vino ai fanciulli e a’ giovani non fa altro effetto che aggiungere fuoco a fuoco. Ma usciamo fore di medi¬ cina. E non si partendo perciò dal vino, io vuo’ narrarvi una ridicola istorietta avenuta non è molto a Parigi. Sapete tutti essere generale consuetudine in questi paesi di Francia, che a certi tempi de Tanno per le città e grosse ville gli artesani hanno i loro giorni deputati per Tanno, ne li quali ora una arte si aduna, ora l’altra, a fare la sua festa. Cosi adunati, gli artesani di una arte vanno di brigata, in ordinanza a modo di soldati, per la città o castello loro, e insieme disinano e cenano con banchetti molto abondevoli di vari cibi e bonissimi vini. E perché fra il giorno vanno discorrendo, saltando, bal¬ lando e facendo di molti bagordi, si riscaldano pur assai; e fora di misura bevendo e rebevendo, la più parte di loro restano ubriachi e ballordi. Avenne, come vi ho detto, che in Parigi li mugnai fecero la loro festa; e tante pazzie fecero e cosi di¬ sonestamente si cargarono di vino, che molti di loro uscirono fora di sentimento e cavalcarono, come proverbialemente si dice, la cavalla del Melino, che andò più di quarantanove miglia fora del suo. Dopo cena adunque tutti si trovarono sovra il ponte ove sono li molini ne la Senna; e quivi danzando tra loro, saltando e come pazzi da catena imperversando, pareva a punto che celebrassero li baccanali. In questo ecco che dui frati menori, di quelli che si chiamano « osservantini », andando per loro bisogni per la città, senza altrimenti pensare più innanzi, pas¬ sarono sovra il detto ponte de le molina. Come alquanti di que’ mugnai, che dal soverchio vino non digesto erano più che cotti, si avidero de li frati, come lupi rapaci fanno in uno branco di pecore, si aventarono loro a dosso; e mal grado loro, prendendoli per li cappucci, se gli strascinarono in mezzo e, volessero o no, gli sforzarono saltare e bagordare, menac- ciandoli, se non facevano di brigata quelle pazzie che essino vedevano fare, che col capo avanti li gettariano dentro il corrente fiume. E gridando a piena voce: — Ballez, ballez, [p. 154 modifica]PARTE QUARTA cordiglieri, — traendoli per le tonache e cappucci, miseramente li tormentavano. Veggendosi li poveri religiosi condotti in mano di que’ ubriachi e temendo non andare a bere nel fiume più acqua che non bisognava, posti tra l’incudine e il martello, elessero più tosto saltare secondo che quei giocavano, che essere man¬ dati a pescare senza rete e senza canna con l’amo. Pensate che spettacolo pareva quello a vedere, tra più di trenta ebri mugnai, dui frati di cotale maniera bagordare e imperversare ! Oh quanto sarebbero stati meglio que’ mugnai a Marseglia! vi so dire che averebbero fatto una brava fornitura a le galere del nostro re cristianissimo. Poi che assai i poveri religiosi travagliati e af¬ faticati furono, fecero li mugnai portare del vino e cominciarono a tracannarne grandissimi bicchieri. Né crediate che ci mettes¬ sero gocciola di acqua. Onde medesimamente furono astretti i frati a berne dui gran tazzoni. A la fine usciti de le mani di quegli asinacci, tutti stracchi, lassi, pieni di grandissimo sudore e mezzi storditi, più tosto che poterono si ridussero al loro mo¬ nastero, e nel cospetto del loro guardiano presentati, li nar¬ rarono la grave sciagura che loro era intravenuta. Del che il buono guardiano ne prese grandissimo despiacere, si come tanto disonesto caso e cosi poca riverenza, a l’abito e servi di san Francesco usata, meritamente ricercava. Ma essendo persona attempata e saggia e di lunga isperienza, non volle correre a furia né andarsi a querelare al magistrato de la giustizia; ma deliberando prendere la lepre, come dir si suole, col carro, fece congregare tutti li suoi frati, che ordinariamente sono sempre più di quattrocento, e sotto pena di obedienza commandò loro che a patto nessuno di questo misfatto non devessero parlare con persona che si fosse; anzi se ci era chi loro ne facesse motto, mostrassero di non ne saper nulla e lasciassero la cura a lui di farne la condecevole e onesta vendetta. Considerava il buono vecchio e prevedeva che il volersi lamentare a la corte di parlamento era uno mettersi in bocca del volgo e forse publicare a tutto Parigi quello che forse a pochi era manifesto. Tuttavia andava pensando di ritrovare modo e via di dare uno bravo gastigo a quelli ribaldi e presontuosi e villani mugnai, [p. 155 modifica]NOVELLA VI (VII) 155 che fosse senza fare tumulto ne la città e donasse esempio agli altri di lasciare andare le persone religiose a fare i fatti loro e non le dare simili disturbi. La cosa non era troppo divolgata per Parigi, di maniera che li mugnai, non ne sentendo bucci¬ nare motto alcuno, se la gittarono dopo le spalle né più suso vi pensarono. Ma lo scaltrito e prudente vecchio messer lo guardiano, come uomo che a nuocere luogo e tempo saggia¬ mente aspetta, se l'aveva con adamantino nodo legata al dito e di continovo andava pure pensando e chimerizzando come potesse rendere a li detti ubriachi mugnai pane per fogaccia, e non fosse in modo veruno ripreso, anzi ne riportasse lode. Gli erano già per la mente passate molte vie per potere pren¬ dere ottimo e piacevole gastigo di quelle insolenti bestie de li mugnai e a nessuna si era fermato, quando la fortuna se gli parò opportunamente dinanzi. Fu uno mercatante, il quale avea fatto conducere una gran quantità di frumenti a Parigi, e avea avuto grazia dal guardiano di riporla ne li granai del monistero. 11 guardiano, parendoli avere il più bello modo del mondo di vendicarsi e molto facile ad eseguire e che, divolgandosi per Parigi, saria riputata una piacevole e condegna vendetta e che averebbe molto del buono, si deliberò di non lasciare passare cosi buona e bella occasione. Erano già passati molti di dopo la festa de li mugnai, che più non si ricordavano de la diso¬ nesta ingiuria fatta a li frati, quando il guardiano mandò a li padroni de le molina uno suo servitore del monistero e fece loro intendere come si trovava molti sacchi di grano, li quali volontieri, prima che finisse la luna del mese di agosto, desi¬ derava che fossero per ogni modo macinati, perciò che la fa¬ rina fatta in quella luna durava lungo tempo senza guastarsi; onde li pregava essere contenti di volerli macinare tutti li detti grani, con gli emolumenti loro che costumano per la macina¬ tura di prendere. Convenuti adunque del giorno per cominciare a macinare, mandarono li padroni de le molina il mattino a buona ora li cavalli e asini e mule loro con trenta famigli loro a prendere parte del grano. Tra questi erano tutti quelli che ave¬ vano fatta la burla del ballare e saltare a li dui frati. Il guardiano [p. 156 modifica]156 PARTE QUARTA aveva messo a ordine cerca ducento de li suoi frati giovani di ogni nazione, essendovi frati francesi, italiani, tedeschi e spa- gnuoli, che quivi erano da le provincie loro mandati a studio. Ci erano anco li dui che sovra il ponte erano stati costretti a fare la moresca. Come li mugnai furono giunti al monistero, furono con le bestie loro introdutti dentro; e andando verso il granaio, intrarono in uno gran camerone, dove in uno tratto furono da li preparati compagni di modo circondati che nes¬ suno puoté da le mani di quelli frati scappare. Quivi, senza potersene fuggire, li buoni frati, tutti ignudi, come il giorno che vennero al mondo, gli ebbero in pochissimo tempo dispo¬ gliati. Onde al suono di quelli loro noderosi cordoni, senza misericordia e meno di pietà, gagliardamente li batterono e molto stranamente gli flagellarono, gridando tuttavia: — Ballez, balles, meschans que vos estes! — Io vi so dire che que’ giovani reli¬ giosi fecero la vendetta de li dui frati, e li mugnai impararono fare una danza che mai danzata non avevano. Erano le carni loro per le terribili battiture parte livide e parte sanguigne. Essendo poi li frati vie più stracchi che sazi, fecero venire di molti secchi di acqua fresca, de la quale a ciascuno mugnaio ne diedero a bere uno pieno tazzone. E in questo furono assai più discreti li frati a dare bere acqua a que’ mugnai, che essi stati non erano quando a li dui poveri riscaldati frati fecero ingozzare il vino, che poteva fargli uno grandissimo nocumento di alcuna grave infermità. Venne allora messer Io guardiano e fece dare li panni a li flagellati mugnai, li quali, pieni di male animo, tutti lo guardavano in cagnesco, come autore e ministro de le loro battiture e fiero supplizio. Del che avedutosi, il buon vecchio disse loro: — Figliuoli miei, sapete bene che commu- nemente si suole dire: « Chi ne fa ne aspetta ». Li miei frati anda¬ vano a fare li bisogni loro per la città, né molestia alcuna vi era da loro data. Ma voi, come assassini che albergano tra le foreste, senza avere riguardo nessuno al sacrato abito del sera¬ fico patriarca messer san Francesco, li faceste quello disonore che vi piacque, e li menacciaste gettarli dentro il corrente fiume. Vi paiono queste belle cose da fare a li servi del signore Iddio? [p. 157 modifica]NOVELLA VI (VII) 157 Portate adunque in pazienza la disciplina che vi ho fatto dare. E ogni volta che vi verrà voglia beffare, di quello modo che fatto avete, li miei frati, io vi farò apparecchiare uno di questi sontuosi banchetti. Andate in pace e. pigliate le bestiole vostre. — Si divolgò la cosa per Parigi e pervenne ancora a le orecchie del re, il quale se ne rise, parendo lui che fosse convenevole che « quale asino dà in parete, cotale ancora riceva s>. Per la città poi non potevano li molinari fare uno passo, che li fanciulli e altri non gridassero loro dietro: — Andate, andate, publici ladroni, al monisterio de li cordiglieri, ove troverete del grano de li noderosi cordoni in grande abondanza. [p. 158 modifica]' '