O fiume, o dell'erbose alme feconde

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Eustachio Manfredi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura O fiume, o dell’erbose alme feconde Intestazione 9 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Eustachio Manfredi


[p. 262 modifica]

XVII1


O fiume, o dell’erbose alme feconde
     Piaggie depredator, che svelli e ruoti
     Gran tronchi e sassi, e quinci urti e percuoti
     Tuguri e case, e non hai letto o sponde:
5Non toccar questo colle, e cerca altronde
     Riva, a cui ’l corno minaccioso arruoti:
     Quì s’adora Filippo, ed inni e voti
     Dansi, a lui che dal Ciel n’ode, e risponde
Sai pur, che a un cenno suo l’onde frementi
     10Taccion del Mare, e con dimesse piume
     Tornansi agli antri lor tempeste e venti:
Or di te che sarà, se un tanto Nume
     Sprezzi, e i dolci suoi campi abbatter tenti,
     Povero scarso orgogliosetto Fiume?


Note

  1. Per la ragunanza degli Arcadi, che tiensi sul colle di S. Onofrio in lode di San Filippo Neri.