O giorno di tristizia e pien di danno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo O Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura O giorno di tristizia e pien di danno Intestazione 17 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 100 modifica]

     O giorno di tristizia e pien di danno,
O ora e punto reo ch’io nato fui
E venni al mondo per dare ad altrui
Di pene essempio d’amore e d’affanno!
     Se le pene che l’alme in lo ’nferno hanno5
Fossero un corpo il qual venisse pui
Nel mondo, già non si vedriano in lui
Cotante pene quante in me si stanno.
     Tu solo, Amor, m’hai messo in tale stato,
E di me fatto hai fonte di martìri,10
Di malignanza e di tristizia loco;
     E mi fai dimorar in ghiaccio e ’n foco,
E di pianto e d’angoscia e di sospiri
Pasci il mio cor dolente disperato.