Odi e inni/Odi/Gli eroi del Sempione

Da Wikisource.
< Odi e inni‎ | Odi
Jump to navigation Jump to search
../Al corbezzolo

../L'ederella IncludiIntestazione 1 luglio 2012 100% Da definire

Odi - Al corbezzolo Odi - L'ederella
[p. 45 modifica]
GLI EROI DEL SEMPIONE


Sotterra, due vaporïere immote,
     divise da una grande porta,
aspettano. Un’ardente ansia le scuote.
     4Un urlo va per l’aria morta.

Porta di ferro, oggi è il trionfo! Muovi
     su gli aspri cardini sonanti!
Apriti, o porta dei millenni nuovi!
     8O nuovi vincitori, avanti!

Voi per lunghi anni, a un’invisibil guerra
     sacrando le robuste vite,
avanzavate ignudi eroi sotterra
     12al rombo della dinamite.

Da voi fuggiva a passo a passo il monte
     tremando per le cupe mine:
voi tergevate dal sudor la fronte
     16seduti su le sue rovine.

Erano, là, le tenebre primeve,
     il peso bruto, il muto oblio;
qua, il lampo, il soffio, la parola breve:
     20là era il Caos, qua era Dio.

[p. 46 modifica]


Riposa, o Dio! Loda le tue giornate
     col lieto rimbombar del tuono!
Uomini, è il giorno settimo: guardate
     24che ciò che voi faceste, è buono!

E riposate! E pace all’arma, o forti,
     che al buio sfavillò sul quarzo!
Poi, per rifarla lucida, i vostri orti
     28coltare voi potrete in marzo.

Ognuno, il vostro: l’orto che vi renda,
     su l’ampia tavola di faggio,
l’erbe non compre per la pia merenda
     32nel giorno di Calendimaggio.

Porta di ferro, apriti!... Ma lontani,
     lavoratori, per la valle
voi siete, la mercede nelle mani
     36ed il piccone su le spalle.

Le spalle voi volgete oggi al traforo
     della montagna di granito...
Oh! non divina sorte del lavoro,
     40che attrista quando sia compìto!

Voi riprendete la perpetua via
     da dove, a dove si lavora.
— Quale Ararat, qual Monte Sant’Elia,
     44compagni, il nostro acciaio vuol ora?

Qual mare, dighe contro cui si franga,
     com’uomo contro l’ira sua?
qual lago chiede il rostro della vanga?
     48qual terra il solco della prua?

[p. 47 modifica]


Quali altre vie, per ghiacci o per sabbioni,
     cerca il vapore, che, nei cupi
silenzi, mostri i rossi occhi ai leoni,
     52che sperda col suo fischio i lupi? —

Latin sangue, gentil sangue errabondo,
     tu sei qual eri nel tuo giorno:
ancora sai tutte le vie del mondo...
     56non sai più quella del ritorno.

Voi siete ancor le ferree coorti,
     voi siete i veliti e triari...
ma i morti d’ora non son più che morti,
     60intorno per le terre e i mari.

Porta di ferro!... Oh! chiama tu, grande Urbe,
     le tue legioni veterane
dalla vittoria! A quelle eroiche turbe
     64dà gl’inni del trionfo, e il pane.