Odo sin qui, Signor, le donne Alpine

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Di Costanzo

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Odo sin qui, Signor, le donne Alpine Intestazione 4 novembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Angelo Di Costanzo


[p. 125 modifica]

V1


Odo sin quì, Signor, le donne Alpine,
     Ch’eran poc’anzi in sì securo stato,
     Pianger de’ lor mariti il duro fato
     Dal gran vostro valor condotti al fine:
5E, come pria temea scempi e rapine,
     Italia, in speme il suo timor cangiato,
     Minacciar al nemico empio ed ingrato
     Ed al suo proprio suol morti e ruine.
Onde Grecia infelice or ride, e spera
     10Romper il giogo, e ristorar suoi danni
     Col favor della vostra Aquila altera;
La qual, s’avendo ancor teneri i vanni
     È tale, or che sarà quando l’intera
     Forza e virtù le daran l’uso e gli anni?

Note

  1. Per Carlo V. Imp. quando ebbe rotti i Luterani di Germania, e disfatta la famosa lega di Smalkald l’anno 1547.