Oh quante volte con pietoso affetto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo da Filicaja

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Oh quante volte con pietoso affetto Intestazione 14 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Vincenzo da Filicaja


[p. 181 modifica]

XX


Oh quante volte con pietoso affetto,
     T’amo, diss’ella, e t’amerò qual figlio
     Ond’io bagnai per tenerezza il ciglio,
     E nel tempio del cuor sacrai suo detto.
5Da indi, o fosse di Natura effetto,
     O pur d’alta virtù forza e consiglio,
     L’amai qual madre; e questo basso esiglio
     Mi fu solo per lei caro, e diletto.
Vincol di sangue, e lealtà di mente,
     10E tacer saggio, e ragionar cortese,
     E bontà cauta, e libertà prudente,
E oneste voglie in santo zelo accese
     Fur quell’esca leggiadra, a cui repente
     L’inestinguibil mio fuoco s’accese.