Ohimè, lasso!, quelle trecce bionde

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo O Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura Ohimè, lasso!, quelle trecce bionde Intestazione 20 agosto 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 124 modifica]

     Ohïmè, lasso!, quelle trecce bionde,20
Dalle quai rilucièno
D’aureo color i poggi d’ogn’intorno!
Ohimè la bella ciera e le dolci onde,
Che nel cor mi sedièno,
Di quei begli occhi al ben segnato giorno!25
Ohimè ’l fresco et adorno
E rilucente viso!
Ohimè lo dolce riso,
Per lo qual si vedea la bianca neve
Fra le rose vermiglie d’ogni tempo!30
Ohïmè! senza meve.
Morte, perchè ’l togliesti sì per tempo?
     Ohimè caro diporto e bel contegno!
Ohimè dolce accoglienza
Et accorto intelletto e cor pensato!35
Ohïmè ’l bello umile alto disdegno,
Che mi crescea l’intenza
D’odiar lo vile e d’amar l’alto stato!
Ohimè ’l desïo nato
Di sì bella creanza!40
Ohimè quella speranza
Ch’ogni altra mi facea veder a dietro
E lieve mi rendea d’amor il peso!
Ohimè!, rott’hai qual vetro,
Morte, che vivo m’hai morto et impeso.45
     Ohïmè donna ch’ogni virtù donna,
Dea per cui d’ogni dea,
Sì come volse Amor, feci rifiuto!
Ohïmè, di che pietra qual colonna
In tutto ’l mondo avea50
Che fosse degna in aer darti aiuto?
Ohimè!, vasel compiuto
Di ben sopra natura,
Per volta di ventura
Condotto fosti suso gli aspri monti;55
Dove t’ha chiusa, ohimè!, fra duri sassi

[p. 125 modifica]

La morte, che due fonti
Fatto ha di lagrimar gli occhi miei lassi.
     Ohïmè, Morte! sin che non ti scolpa,
Dimmi almen per li tristi occhi miei:60
Se tua man non mi spolpa,
Finir non deggio di chiamar omei?