Oreste (Euripide - Romagnoli)/Primo episodio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Primo episodio

../Parodo ../Primo stasimo IncludiIntestazione 2 dicembre 2019 75% Da definire

Euripide - volume V
Oreste
(408 a. C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1930)
Primo episodio
Parodo Primo stasimo

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I poeti greci tradotti da Ettore Romagnoli

Indice dell'opera, volumi I / VI

[p. 150 modifica]

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0280.png


CORO
A tuo fratello poni mente, Elettra,
tu che presso gli sei, che, senza addartene,
non sia già morto; che mi piace poco
quel suo lungo giacere abbandonato.
ORESTE

Si scuote dal sonno.


O sollievo del morbo, o caro balsamo
del sonno, quanto a me dolce giungesti
ed opportuno! O venerando Oblio
dei mali, quanto sei provvido Nume,
degno che gl’infelici a te si volgano.
Donde mai venni qui? Come qui giunsi?
Nol ricordo: smarrii l’antico senno.
elettra
Quanto vederti addormentare, o caro,

lieta mi fece! Vuoi ch’io ti sollevi?

[p. 151 modifica]

ORESTE
Sollevami, si, si! Tergi dal misero
labbro e dagli occhi la rappresa schiuma.
ELETTRA
Ecco, dolce è l’ufficio, e non ricuso
prestar cure, io sorella, a mio fratello.
ORESTE
Col fianco il fianco reggi; e sgombra i squallidi
crini dal volto mio: che poco io scemo.
ELETTRA
Come senza lavacri, o capo misero,
irto sei fatto, sudicio e selvaggio!
ORESTE
Ancor m’adagia; quando il morbo ha tregua,
fiacche ho le membra, e frante le giunture.
ELETTRA
Ecco: il giaciglio agli ammalati è caro:

è molesto retaggio inevitabile.

[p. 152 modifica]

ORESTE
Sollevami ancor, volgimi: son gli egri
fastidiosi, e mai non san che vogliano.
ELETTRA
Vuoi, dopo tanto, il pie’ posare a terra,
muover passi? Il cangiare in tutto è grato.
ORESTE
Sí, di salute ha ciò parvenza; e bene
certo è parer, quand’anche manchi l’essere.
ELETTRA
Porgi a me dunque ascolto, o fratei mio,
sinché l’Erinni il senno tuo non turbano.
ORESTE
Nuove cose vuoi dir: grate se fauste;
se dannose, già troppo è il mal ch’io soffro.
ELETTRA
Qui Menelao, fratello di tuo padre

giunse: approdò con le sue navi a Nauplia.

[p. 153 modifica]

ORESTE
Che dici? Un nostro zio, che tanto deve.
al padre nostro, ai nostri mali è un raggio.
ELETTRA
Dalle mura di Troia ei giunge; ed abbine
questa prova: che seco Elena adduce.
ORESTE
Felice piú se scampava da solo:
ché un gran mal reca, se la moglie reca.
ELETTRA
Figliuole insigni per vergogna, Tíndaro
diede alla vita, e infami in tutta l’Ellade.
ORESTE
Sii diversa, lo puoi, da quelle tristi,
e non solo a parole, anzi di cuore.

Oreste comincia a dar nuovi segni di delirio.


ELETTRA
Ahimè, fratello, l’occhio tuo si turba.

Eri in senno pur ora, e già vaneggi?

[p. 154 modifica]

ORESTE
Madre, non avventar su me le vergini
cinte di serpi, dagli occhi sanguinei!
Eccole, eccole! Sopra me s’avventano!
ELETTRA
Tranquillo sta sul tuo giaciglio, o misero.
Nulla scorgi di ciò che veder pensi.
ORESTE
M’uccideranno, o Febo, queste cagne
torve, ministre inferne. Dee terribili!
ELETTRA
Non ti lascio! La mano alla tua mano
intreccio, e freno i tuoi miseri balzi.
ORESTE
Lasciami I Delle Erinni una tu sei:
m’afferri per lanciarmi in fondo al Tartaro.
ELETTRA
Misera me, chi mi darà soccorso,

allor che il Nume contro noi si schiera?

[p. 155 modifica]

ORESTE
L’arco di corno dammi, il Febèo dono
onde mi disse Apollo di respingere
le Dee, se col delirio m’assalissero!
ELETTRA
Potrà mano mortal ferire un Nume?
ORESTE
Si, se dal guardo mio lungi non va!
Or non m’udiste? Non vedete i dardi
che già dall’arco saettante volano?
Ehi, ehi!
Indugiate? Per l’ètra a volo alzatevi!
Date colpa agli oracoli di Febo.
Ehi, ehi!
Perché vaneggio, e dei polmoni l’alito
s’ingrossa? Dove, dove son balzato
fuor dalle coltri? Dopo la tempesta,
la bonaccia rivedo. E che, sorella?
Nascondi il capo sotto il peplo, e piangi?
Io mi vergogno, ché dei miei travagli
partecipe ti rendo, e ad una vergine
l’affanno addosso dei malanni miei.
Per il mio mal non struggerti: lo scempio
certo approvasti; ma il sangue materno
solo io versai. Dò colpa al Nume ambiguo,
che pria m’indusse ad un misfatto empissimo,

ed a parole poi mi die’ conforto.

[p. 156 modifica]

a fatti no. Mio padre stesso, io credo,
quando chiesto gli avessi a faccia a faccia
se dovessi a mia madre morte infliggere,
carezzandomi il mento, assai pregato
m’avrebbe ch’io nelle materne vene
il ferro mai non immergessi, quando
non ei perciò ritornerebbe a vita,
ed io, misero me, patir dovrei
tali tormenti. E scopri adesso il volto,
sorella mia, desisti dalle lacrime,
pur se la nostra sorte è tanto misera.
E quando tu scorato mi vedrai,
il perduto terror della mia mente
solleva con le tue parole: quando
tu piangerai, conforto io ti darò
t’assisterò: convien che tali uffici
rendan gli amici gli uni agli altri. Misera,
orsú, rientra in casa, adesso, stènditi,
al sopore concedi il ciglio insonne,
e cibo prendi, e di lavacri il corpo
cospergi: ché se tu mi lasci, oppure
cadi, pel troppo assistermi, nel morbo,
siamo perduti: ché tu sola hai cura
di me, lo vedi, e tutti m’abbandonano.
ELETTRA
Mai non ti lascierò: morire io voglio
o vivere con te: ché a questo siamo.
Far che potrei, se tu morissi, io donna?
Come potrei salvarmi sola, senza

fratelli, senza padre, senza amici?

[p. 157 modifica]

Or, ciò che vuoi, se tu lo vuoi, farò.
Ma tu nel letto il corpo adagia, e troppo
non esser preda ai terrori, ai fantasmi
che dal giaciglio sobbalzar ti fanno.
Disteso resta nelle coltri: quando
tu malato non sia, ma pur lo immagini
sono compagni tuoi dolore e ambascia.

Rientra nella reggia. Oreste si sdraia di nuovo nel suo giaciglio.


Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0241.png