Pagina:Alberti - Della architettura della pittura e della statua, 1782.djvu/358

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
336 indice.
  to; et che differentia sia intra il muro, et il fondamento, et quali sieno le parti principali de le mura; de tre modi del murare; et de la materia, et de la forma del primo ricinto a piano. CAP. VI.  pag. 57 
 

Come si generino le Pietre, come le si commettino, et congiunghino insieme, et quali sieno le più gagliarde, et quali le più deboli. CAP. VII. 

58 
 

De le parti de finimenti, de le corteccie, de ripieni, et de le sorti loro. CAP. VIII. 

60 
 

De Ricinti di Pietra, del legamento, et del fortificamento delle cornici, et in che modo si serrino insieme molte Pietre per saldezza del muro. CAP. IX. 

61 
 

Del vero modo del murare, et della convenientia che hanno le Pietre con la rena. CAP. X. 

63 
 

Del fare le mura con varie cose, del modo de lo intonicarle, de le spranghe, et de rimedii loro, et de la antichissima legge de li Architettori, et de rimedii da schifare i pericoli delle Saette. CAP XI. 

64 
 

De Tetti di linee diritte, de le Travi, de correnti, et del congiugnere insieme gli ossami. CAP. XII 

66 
 

De le Impalcature, o Tetti di linee torte; de gli Archi, et loro differentia, et del modo del farli, et del mettere insieme le Pietre de gli Archi. CAP. XIII. 

68 
 

Che le Volte sono di varie sorti, et in quel che le sieno differenti fra loro, con che linee le si stabiliscono, et qual sia il modo de lo allentarle. CAP. XIV. 

70 
 

De le corteccie de tetti, della loro utilità, et de le sorti de tegoli, et de la forma loro, et di quel che si faccino. CAP. XV. 

73 
 

De pavimenti secondo l’opinione di Plinio, et di Vitruvio, et secondo l’opere de li Antichi; et quali sieno i tempi buoni, per cominciare, et terminare le varie sorti de le opere. CAP. XVI. 

74 


LIBRO QUARTO.

Delle opere universali.


 

Che negli edificii, o sieno stati fatti per la necessità de la vita, o per l’opportunità de bisogni, o per la dilettatione de’ tempi; Furono nondimeno ordinati per cagione de gli huomini. De la varia divisione de le Republiche appresso diverse nationi. Che l’huomo per la ragione, et per la cognitione c’ha de le Arti, è differente da le bestie; per il che si discerne differentia, et diversità infra gli huomini, et parimente infra gli edificii. CAP. I. 

77 
 

De la regione, del luogo, et del sito commodo, et scommodo, per le Città, secondo il parer de li Antichi, et secondo il parer dello Autore. CAP. II. 

80 
 

Col circuito, de lo spatio, et de la grandezza de le Città; de le forme, et figure de le Terre, et de le Mura, et del costume; de le cerimonie, et osservationi de gli Antichi, in disegnar le Città. CAP. III. 

84 
 

De le Mura, Merlature, Torri, Cornici, et Porte, et lor Legnami. CAP. IV. 

87 
 

De la grandezza, forma, et regola de le vie maestre, et non maestre. CAP. V. 

89 
 

De ponti di Legno, et di Pietra, et del situargli: de le Pile, Volte, Archi, Cantonate, Serragli, Spranghe, lastricature, et rilievo loro. CAP. VI. 

90 
 

De le Fogne, de lo uso, et forma loro, et de Fiumi, et de le Fosse d’acqua, che servono a Navilii. CAP. VII. 

95 

De