Pagina:In morte di Lorenzo Mascheroni.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(113)

Pagina 35


. . . . . . . . nuovo Fabio, ec.

Moreau, preposto, da Bonaparte al comando dell’esercito del Reno, entrò nella Germania, battè in più riprese il maresciallo Kray e costrinse a Parusdorf gl’imperiali, ad un armistizio.


Pag. 36


Apriti, o alpe . . . . . . . .

La memorabile discesa del S. Bernardo.


Pag. 37


Dodici rocche aprir le ferree porte.

In conseguenza di un armistizio conchiuso subito dopo la battaglia di Marengo, gli austriaci dovettero consegnare a Napoleone tutte le fortezze dell’alta Italia in numero di dodici. — V. Botta


Pag. 38


V’eran leggi; il gran patto era solenne;

La costituzione della repubblica Cisalpina fa malmenata e contorta per ogni verso dal Direttorio francese, il quale trattava l’Italia più da paese di conquista che da confederata repubblica.


Pag. 39


. . . . . . . . Libetra,

Fontana dedicata alle Muse, dette perciò Libetridi. È una staffilata al Gianni ed al Lattanzio.