Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/477

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


seguite dalla sua gloria. SALMI,23-25. "Il Signore è il mio pastore."
narti; tu che sei la mia forza, affrettati a soccorrermi.

20 Riscuoti l’anima mia dalla spada, l’unica mia dalla branca del cane.

21 Salvami dalla gola del leone1, ed esaudiscimi, liberandomi dalle corna de’ liocorni.

22 Io racconterò il tuo Nome a’ miei fratelli2; io ti loderò in mezzo della raunanza.

23 Voi che temete il Signore, lodatelo; glorificatelo voi, tutta la progenie di Giacobbe; e voi, tutta la generazione d’Israele, abbiate timor di lui.

24 Perciocchè egli non ha sprezzata, nè disdegnata l’afflizione dell’afflitto; e non ha nascosta la sua faccia da lui; e quando ha gridato a lui, l’ha esaudito3.

25 Da te io ho l’argomento della mia lode in grande raunanza4; io adempirò i miei voti in presenza di quelli che ti temono.

26 I mansueti mangeranno, e saranno saziati; que’ che cercano il Signore lo loderanno; il vostro cuore viverà in perpetuo5.

27 Tutte le estremità della terra ne avranno memoria, e si convertiranno al Signore6; e tutte le nazioni delle genti adoreranno nel suo cospetto.

28 Perciocchè al Signore appartiene il regno; ed egli è quel che signoreggia sopra le genti.

29 Tutti i grassi della terra mangeranno ed adoreranno; parimente tutti quelli che scendono nella polvere, e che non possono mantenersi in vita, s’inchineranno davanti a lui7.

30 La lor posterità gli servirà; ella sarà annoverata per generazione al Signore.

31 Essi verranno, ed annunzieranno la sua giustizia; ed alla gente che ha da nascere ciò ch’egli avrà operato8.

SALMO 23.

Felicità di chi ha Dio per pastore.

Salmo di Davide.

1 IL Signore è il mio pastore9: nulla mi mancherà.

2 Egli mi fa giacere in paschi erbosi, mi guida lungo le acque chete.

3 Egli mi ristora l’anima; egli mi conduce per sentieri di giustizia, per amor del suo Nome.

4 Avvegnachè io camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei male alcuno10; perciocchè tu sei meco; la tua bacchetta, e la tua verga mi consolano.

5 Tu apparecchi davanti a me la mensa, al cospetto de’ miei nemici; tu ungi
il mio capo con olio; la mia coppa trabocca.

6 Per certo, beni e benignità mi accompagneranno Tutti i giorni della mia vita; ed io abiterò nella Casa del Signore Per lunghi giorni.

SALMO 24.

Il dominio universale di Dio. — Chi e degno di salire al suo santuario? — Il Re di gloria.

Salmo di Davide.

1 AL Signore appartiene la terra, e tutto quello che è in essa11; il mondo, ed i suoi abitanti.

2 Perciocchè egli l’ha fondata sopra i mari12, e l’ha fermata sopra i fiumi.

3 Chi salirà al monte del Signore? E chi starà nel luogo suo santo?

4 L’uomo innocente di mani, e puro di cuore13; il qual non eleva l’animo a vanità, e non giura con frode.

5 Un tale riceverà benedizione dal Signore, e giustizia dall’Iddio della sua salute.

6 Tale è la generazione di quelli che lo ricercano; tale è Giacobbe che cerca la tua faccia, o Dio. (Sela.)

7 O porte, alzate i vostri capi; e voi, porte eterne, alzatevi; e il Re di gloria entrerà14.

8 Chi è questo Re di gloria? Egli è il Signore forte e possente; il Signore poderoso in battaglia.

9 O porte, alzate i vostri capi; alzatevi, o porte eterne; e il Re di gloria entrerà.

10 Chi è questo Re di gloria? Egli è il Signor degli eserciti; esso è il Re di gloria. (Sela.)

SALMO 25.

Davide prega Dio di liberarlo dai suoi nemici e di perdonargli i suoi peccati,

Salmo di Davide.

1 O SIGNORE, io levo l’anima mia a te.

2 Dio mio, io mi confido in te; fa che io non sia confuso, e che i miei nemici non facciano festa di me.

3 Ed anche che niuno di quelli che sperano in te sia confuso; sien confusi quelli che si portano dislealmente senza cagione.

4 Signore, fammi conoscere le tue vie15; insegnami i tuoi sentieri.

5 Inviami nella tua verità, ed ammaestrami; perciocchè tu sei l’Iddio della mia salute; io ti attendo tuttodì.

6 Ricordati, Signore, delle tue compassioni, e delle tue benignità16; perciocchè sono ab eterno.

7 Non ridurti a memoria i peccati della mia giovanezza, nè i miei misfatti; se-

  1. 2 Tim. 4. 17.
  2. Rom. 8. 29. Eb. 2. 12.
  3. Eb. 5. 7.
  4. Sal. 35. 18. 40. 9, 10.
  5. Giov. 6. 51.
  6. Is. 49. 6.
  7. Is. 26. 19. Fil. 2. 10.
  8. Rom. 3. 21, 22.
  9. Is. 40. 11. Giov. 10. 11. 1 Piet. 2. 25. Apoc. 7. 17.
  10. Sal. 27. 1. 118. 6.
  11. Deut. 10. 14.1 Cor. 10. 26.
  12. Gen. 1. 9. 2 Piet. 3. 5.
  13. Mat. 5. 8.
  14. 1 Cor. 2. 8.
  15. Sal. 27. 11; 86. 11; 119; 143. 8, 10.
  16. Sal. 103. 17.

469