Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3588-3589-3590) pensieri 47

un altro esempio dello Speroni nel Dialogo della Retorica, Dialoghi, Ven., 1596, p. 153, linea 26 e Dialogo X, p. 207, linea ultima. Vedi ancora il Forcellini se ha nulla. Senz’altro vale similmente alcune volte senza nulla, semplicemente, onninamente ec. Vedi p. 3885. Cosí ἄλλως, del che vedi le mie Annotazioni all’Eusebio del Mai (3 ottobre 1823).


*    Alla p. 3080. Assaltare, assaltar è un continuativo latino-barbaro di assalire, pur latino-barbaro, ed è nella stessa significazione di questo (vedi il glossario in Assaltare, Assalire, Adsalire ec.). Laddove sobresaltar è in significato diverso da sobresalir (saltar conserva il significato latino, ma salir non  (3589) già, se non alla lontana o in parte ec.; vedi il Forcellini), e non ha con esso niuna analogia di significazione. Cosí risaltare e risalire; da ambedue i quali è affatto diverso e lontano di significato il nostro risultare o resultare (resultar, résulter), e da questo e da quelli il latino resulto (vedi il glossario). Resulto però e risultare ec. sono per origine gli stessi che risaltare, e vengono entrambi da resilire, che noi diciamo risalire con corrotta significazione (rejallir forse è lo stesso che resilire, e jallir per origine lo stesso che saillir e salire latino, come anche, in parte, per significato). Cosí assaltare è per origine lo stesso che assultare (vera forma latina di questo verbo), il quale ha anche talvolta una significazione o uguale o simile a quella di assaltare, come pure assilire (vedi Forcellini in assilio ed assulto, e il glossario in adsalire e assultare ec.). Continuativo affatto italiano di un verbo affatto italiano, ma pur continuativo formato alla latina, cioè dal participio del verbo originale, si è scortare (coll’o largo) da scorto di scorgere, in significato di guidare ec. (se pur non fosse  (3590) da scorta sostantivo: i francesi hanno escorte ed escorter). Il qual verbo scorgere fratello di accorgere (e s’altro n’abbiamo di cotali) è tutto italiano, non men che ac-