Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4162-4163) pensieri 89

λετᾳ (vuole cioè dee) καὶ ἀποιητὸν τὸ πάθος. Demetr., de elocut., sect. 28, p. 22 (Bologna, 31 dicembre 1825). Vedi p. 4224.


*   Al detto di θέλειν o εθέλειν per potere ha attinenza il nostro malvolentieri per difficilmente (Crusca) e volentieri per facimente (Giunte Veronesi).


*    Onde per dove, quo. Petrarca, Son. Occhi piangete, v. 6 (Bologna, 1o del 1826).


*    Crates, grata, grada-graticcio, graticcia, gradella, graticola, ingraticolato, craticcio (Crusca Veronese) ec. Vedi Forcellini in craticula, i francesi, spagnuoli ec.


*    Éploré per qui plorat da s’èpleurer. Zélé per qui zèle, zelante. Homme réfléchi o irréfléchi.


*    Cosí avestu riposti De’ bei vestigi sparsi. Petrarca, Canz. Se ’l pensier che mi strugge, stanz. 5, vers. 7, 8.


*    Smoccare (Crusca Veronese) - Smoccolare, coi derivati.


*    Boves, bovi - buoi.


*    Che cosa è la vita? Il viaggio di un zoppo e infermo che con un gravissimo carico in sul dosso per montagne ertissime e luoghi sommamente aspri, faticosi e difficili, alla neve, al gelo, alla pioggia, al vento, all’ardore del sole, cammina senza mai riposarsi dí e notte uno spazio di molte giornate  (4163) per arrivare a un cotal precipizio o un fosso, e quivi inevitabilmente cadere (Bologna, 17 gennaio 1826).


*    Homme réservé. Riservato. Vedi gli spagnuoli. Enjoué. Cabalgado per que cabalga o que està a caballo.