Parabola del Figliol Prodigo (ampezzano)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
ladino

Massimiliano Constantini P Parabola del Figliol Prodigo (ampezzano) Intestazione 17 marzo 2016 50% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Una vota l'eva un on, e chesto l' avea doi fioi el pi zoven de lore dis a so pare: Pare dagème ra me parte de ra roba, che me tocca. E el pare fes ra division, e daira. Poche dì dapò el fiol pi zoven l' ha tolès dutto el fato so, e si ne zù da lonze in un paès foresto; là l' ha scomenzà a fei el malgoverno, e col zì ara granda l' ha magnà dutto chel, che l' aveva. Chanche l' abù fini dutto, l' è vegnù una gran ciarestia in chel paès, e anche el l' ha scomenzà e avè bisogn, e in chra vota el va da un sior a fèi el servidor, e el l' ha mandù inz' un so mas pède i porciei; là dara gran fame el se desiderava pi votes, chel che magnava i porcièi ma negun no ghin dageva. El s' ha po ravedù e l' ha dito: quanta servitù a ciasa de me pare ha pan che ghen vanza e iò son ca che moro dara fame! ah! vòi toi sù, e zirei da el e direi: Pare, iò hei offendù Dio e anche vos, no son pi degno, che me ciamade vos fiol, toleme come un vos famei. Ditto, fatto, el leva su, el se mete in strada ves ciasa. E chanche l'eva ancora da lonze, lo vede so pare, e gli fes peccà, gli corre incontra el se lo tira al col, e lo bussa. Intanto el fiol gli digeva: Pare iò hei offendù Dio, e anche vos, zammai non son pì degno che me ciamàde vos fiol. Ma el pare l' ha ditto ai so serve. Preste portà ca el pi bel vestì, che on, e vestillo, e metei inc' el diedo un' anel, e scarpe inz' i pes, e pò menà cà un vedel ingrassà, e mazzallo, che voron fei un pasto e stà allegre, perché hon ciatà sto me fiol vivo e san che credevòn ch' el fosse morto. E po i ha scomenzà a magnà allegramente. Intanto el so fiol pi vecio l' eva in campagna, e canch' el torna, e vegniva sempre pi vegin a ciasa, l' ha sentù, ch' i sonava e i ciantava, e l' ha ciamà un servidor e gli ha domandà, ciè che vorea dì sta roba. Sto servo el dis: Le vegnù vos fradel, e vos pare l' ha fatto mazzà un vedel ingrassà, perchè l' è tornà salvo. In chra vota el s' ha stizzà e novorea pi zi inze; finché le vegnù fora so pare e l' ha scomenzà al preà; ma el l' ha rispondù: Vardà, pare, iò ve servo tante anne e no v' hei mai desubidì, e vos no m' avé dà mai gnanche un cauretto da magnà coi miei amighe, e ades appena che le vegnù sto vos fiol che l' ha fatto zì dutto cora putanes, gli avè fatto mazà un vedel ben ingrassà. Ma caro fiol, dis el pare, tu te sos sempre con me, e dutto chel, che le me l' è anche to; dime non èvelo un dover de fei un bon disnà e de sta allegre, perchè s' ha ciatà sto to fradel san e salvo, che s' el credeva perdù e morto. Cie disto?