Passu torrau

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
canti

cantastoria Passu torrau Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Oe, su binti de maju, in bidda mia
s'intendet che' su coro de su beranu;
sos pastores chi fin in Baronia,
in sa Costera e in su Campidanu,

2torran cun su sacu de su gabbanu,
fatu sa roba a sa terra nadia.
Murghen dae sa bidda non lontanu,
e disponen su late in regalia;

3e los preguntan a dresta e a manca
in s'jerru comente sun andados;
risponden tristos e a boghe istraca:

4Apenas no nche semus isfrancados
dae su pagamentu de sa tanca;
sos frutos a su mere sun restados.

Traduzione

Oggi, venti di maggio, al mio paese
si sente che siamo nel cuore della primavera.
I pastori che erano in Baronia,
o lungo la costiera, o in Campidano,

ritornano con sacco e col gabbano,
dietro il gregge alla terra natia.
Mungono non lontano dal paese
e mettono da parte il latte per i doni.
 
Gli chiedono a destra e a manca
com'è andata durante l'inverno.
Rispondono tristi con la voce stanca:
 
Appena appena abbiamo salvato il presso
dell'affitto della tanca,
il frutto è rimasto tutto al padrone.