Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1883

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1883

../1882 ../1884 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

1882 1884

[p. 422 modifica] ec. Similmente possiamo dire de’ vestiari ridicolissimi de’ nostri frati, preti, monache ec (10 ottobre 1821).


*   Quanto giova a sentir le bellezze per esempio, di una poesia o di una pittura ec., il saper ch’ella è famosa e pregiata, ovvero è di autor già famoso e pregiato! Io sostengo che l’uomo del miglior gusto possibile, leggendo, per esempio, una poesia classica, senza saper nulla della sua fama (il che può spesso accadere in ordine a cose moderne o non ancor famose o non ancor conosciute da tutti per tali) e, leggendola ancora con attenzione, non vi scoprirebbe, non vi sentirebbe né riconoscerebbe una terza parte delle bellezze, non vi proverebbe una terza parte del diletto che vi prova chi la legge come opera classica, e che potrà poi provarvi egli stesso rileggendola con tale opinione. Io sostengo che oggi non saremmo cosí come siamo dilettati, per esempio, dall’Ariosto, se l’Orlando furioso fosse opera scritta e uscita in luce quest’anno. Dal che segue che il diletto di un’opera di poesia,