Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2203

../2202 ../2204 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2202 2204

[p. 104 modifica] ara etc. Dunque, se quaeso è corruzione di quaero, quaesitus non è che corruzione di quaeritus; quello dunque è participio di quaeso (cioè di un verbo corrotto da quaero), e questo, cioè quaeritus, è il proprio participio di quaero; dunque quaeritare è lo stesso che se si dicesse quaesitare, e non osta niente di piú alla mia regola; ed è formato né piú né meno secondo essa, come qualunque altro continuativo o frequentativo (ch’egli può per la sua forma esser l’uno e l’altro), ed è regolare come venditare da vendere; dunque, in luogo ch’egli dimostri magagna o eccezione nella mia regola, questa anzi aiuta a conoscere [p. 105 modifica]e determinare la vera natura, la vera origine e formazione di questo antico verbo (e forse popolare) e l’antico e proprio participio di quaerere cioè quaeritus, il quale è dimostrato appunto da quaeritare, secondo la mia regola.

Cosí discorro di queritari da queror,