Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2425

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2425

../2424 ../2426 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2424 2426

[p. 232 modifica] individuale di ciascuno per se, e dopo ch’egli n’ha osservato le leggi, anche con suo sommo sacrificio, nessuno onore gliene viene, neanche dall’opinione degli altri, che lo dispensa. Come quegli atti secreti di virtú, quelle buone opere di pensiero, che in questo mondo non son premiate se non dalla propria coscienza. Tutto l’opposto succedea fra gli antichi.

Era punto d’onore nelle truppe spartane il ritornare ciascuno col proprio scudo. Circostanza materiale, ma utilissima e moralissima nell’applicazione, non potendosi conservare il loro scudo amplissimo (tanto che vi capiva la persona distesa), senza il coraggio di far testa e di non darsi mai alla fuga, che un tale scudo avrebbe impedita (6 maggio 1822). [p. 233 modifica]


*    Alla p. 2419. Come può esser bella una lingua che non ha proprietà? Non ha proprietà quella lingua che nelle sue forme, ne’ suoi modi, nelle sue facoltà non si distingue dalle forme, modi, facoltà della grammatica generale e del discorso umano regolato dalla dialettica. Una lingua regolata da questa sola