Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2838

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2838

../2837 ../2839 IncludiIntestazione 14 aprile 2016 100% Saggi

2837 2839

[p. 25 modifica] di lingua, sono costretti a pigliare una lingua domestica e rimessa, e non volendo che questa ripugni e disconvenga [p. 26 modifica]disconvengaallo stile, sono altresí costretti di tenere anche questo, per cosí dire, a mezz’aria, e di familiarizzarlo. Onde accade che questi tali poeti e scrittori sappiano di familiare anche ai posteri, quando le loro parole e forme, già divenute abbastanza lontane dall’uso comune, hanno pure acquistato quel che bisogna ad essere elegantissime, perloché già elle come tali s’adoprano dagli scrittori e poeti della nazione ne’ piú alti stili. Ma non essendo elle ancora eleganti a’ tempi di que’ poeti e scrittori, questi dovettero assumere un tuono e uno stile adattato a parole non eleganti, e un’aria, una maniera, nel totale, domestica e familiare, le quali cose ancora restano, e queste qualità ancora si sentono, come nel Petrarca, benché l’eleganza sia sopravvenuta alle loro parole e a’ loro modi che non l’avevano, com’é sopravvenuta, e somma, a quei del Petrarca. Queste considerazioni si possono fare, e questi effetti si scorgono, massimamente ne’ poeti, non solo perché gli scrittori primitivi di una lingua e i fondatori di una letteratura