Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2872

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2872

../2871 ../2873 IncludiIntestazione 7 ottobre 2016 100% Saggi

2871 2873

[p. 47 modifica] perciò la scrittura francese dovette molto piú differire dalla pronunzia, che non differiscono la spagnuola e l’italiana che presero e usarono lo stesso modello. Secondo: questa diversificazione e settentrionalizzazione di pronunzia avendo avuto luogo o acquistato forza ed estensione in Francia piuttosto tardi, e di piú trovandosi che i poeti di cui la Provenza abbondò scrivevano [p. 48 modifica]il provenzale, stato già tutt’uno col francese, ed allora tuttavia analogo, ma piú latino, (vedi Perticari, l. c., p. 107, principio) lo scrivevano, dico, in modo simile ed analogo al latino; ed essendo cosí vero come naturale che i primi che scrissero qualche cosa in francese riguardarono ai provenzali e se li proposero per guide, come quelli ch’erano in quei tempi i piú dotti forse della Francia ed avevano contribuito a spargere in essa il gusto della poesia volgare e dello scrivere in volgare; da tutto questo ne seguí che la scrittura francese si accostò al latino, come ci si accostava e la scrittura e pronunzia provenzale; ci si accostò dico, non ostante che la pronunzia francese ogni dí piú se ne scostasse, con che si venne anche a scostare dalla scrittura.