Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3385

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3385

../3384 ../3386 IncludiIntestazione 28 settembre 2017 100% Saggi

3384 3386

[p. 355 modifica] ed aver quanto si richiede ad esser poeti, sol che volessero metterlo in opera, o poterlo facilissimamente acquistare e adoperare. Laddove chi non è matematico, pittore, musico ec. non si crede di esserlo, e riguarda come superiori per questo conto a lui ed al comune degli uomini, quei che lo sono. Il genio, da cui principalmente pende e nasce la facoltà poetica e la filosofica, [p. 356 modifica]filosofica, non si misura a palmi, come ciò che si richiede a esser medico o geometra. Quindi nasce che quello ch’é piú raro tra gli uomini tutti si credano possederlo. E quindi è che le due piú nobili, piú difficili e piú rare, anzi straordinarie, facoltà, la poesia e la filosofia, tutti credano possederle, o poterle acquistare a lor voglia. Oltre che il genio non può essere né giudicato, né sentito, né conosciuto, né aperçu che dal genio. Del quale mancando quasi tutti, nol sentono né se n’avveggono quand’ei lo trovano. E il gustare, e potere anche mediocremente estimare il valor delle opere di poesia e di filosofia, non è che de’ veri poeti e de’ veri filosofi, a differenza delle opere dell’altre facoltà ec.