Poco mi resta, è ver, da solcar l'onda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Maria Maggi

P Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Poco mi resta, è ver, da solcar l’onda Intestazione 30 luglio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Carlo Maria Maggi


[p. 248 modifica]

III


Poco mi resta, è ver, da solcar l’onda,
     Che dovrìa farmi al navigar più franco,
     E pur m’affligge il non saper pur anco
     D’uscire in gola al mare, o in lieta sponda.
5Tempo più che mai fiero or mi circonda,
     E benchè fra tempeste il crine ho bianco,
     Già più saggio non son, ma son più stanco,
     senz’armi, e consiglio il legno affonda.
Fu il mio cammin sì mal guidato, e torto,
     10Che senza miglior guida io temer deggio
     Di finir nello scoglio, e non nel porto.
Ben del corso affannoso al fin mi veggio;
     Ma non so per qual meta. Ahi qual conforto
     Finire un mal con paventarne un peggio!