Poesie (Eminescu)/Appendice/VIII (73). Ritorno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
VIII (73). Ritorno

../VII (47). Ho ancora un sol desiderio ../IX (74). Perchè, bosco, ondeggi IncludiIntestazione 25 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
VIII (73). Ritorno
Appendice - VII (47). Ho ancora un sol desiderio Appendice - IX (74). Perchè, bosco, ondeggi
[p. 134 modifica]

VIII (73).

RITORNO.


— Bosco, bosco, vita mia,
  dimmi, dimmi, che fai tu?
  molto tempo passò via
  da che non ti vidi più.

5— Ecco, fo il mestiere eterno:
  odo Bora nell’inverno
  ammucchiar la neve a monti
  sulle strade, e le canzoni
  via cacciare e i dolci suoni.

10Faccio sempre quel mestiere:
  nell’estate sul sentiere
  che va al fonte, odo le note
  della dóina, e il suon mi scuote;

[p. 135 modifica]

  poi che vien da belle bocche,
  15mentre l’acqua empie le brocche,

— Bosco mio, dai bei torrenti,
  sarà tempo e tempo fu,
  tu sei giovine e diventi
  ogni dì giovin di più.

20Cos’è il tempo per me, quando
  va da secoli brillando
  sui miei laghi ’l firmamento?
  Freme il ramo e soffia il vento,
  sia tempesta o sia sereno;
  25va il Danubio ampio ed ameno,
  sia sereno o sia tempesta:
  solo l’uom cangia sua vesta.

Ma in eterno noi restiamo,
  come fummo, così siamo,
  30co’suoi fiumi il mar profondo,
  coi deserti il vasto mondo,
  con la luna il sol fulgente,
  e col bosco la sorgente.