Poesie (Eminescu)/LXX. Ai miei critici

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXX. Ai miei critici

../LXIX. Ode in metro antico ../LXXI. Batte la mezzanotte IncludiIntestazione 27 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
LXX. Ai miei critici
LXIX. Ode in metro antico LXXI. Batte la mezzanotte

[p. 117 modifica]

LXX.

AI MIEI CRITICI.


Molti fiori son, ma pochi
danno all’uomo i lor frutti;
tutti battono alle porte della vita,
ma quanti cadono avvizziti!

[p. 118 modifica]


5Scriver versi è facilissimo,
quando niente hai da dire,
e parole vane infilzi
la cui coda suona in rima.

Ma, quando l’animo ti tormentan
10passioni vive e desiderii,
e la tua mente le lor voci
ascoltarle tutte vuole;

come i fiori allora battono
alla porta del pensiero:
15tutte chiedon veder la luce
ben vestite di parole.

Potran dunque giudicare
il tuo strazio e la tua vita
quattro critici sparuti
20dai freddi occhi di ghiaccio?

Quando parti che sul capo
sia per cadérti il cielo,
dove troverai le parole
che espriman l’inesprimibile?

25O critici, o fiori sterili,
che nessun frutto maturaste,
scriver versi è facilissimo,
quando niente hai da dire.