Poesie (Eminescu)/XXIV. Lontano da te

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXIV. Lontano da te

../XXIII. Malinconia ../XXV. Calin (pagine di leggenda) IncludiIntestazione 19 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
XXIV. Lontano da te
XXIII. Malinconia XXV. Calin (pagine di leggenda)
[p. 33 modifica]

XXIV.

LONTANO DA TE.


Lontano sono da te, e, solo accanto al fuoco,
rimugino nella mente la vita mia senza fortuna,

ottocento anni mi sembra d’esser vissuto al mondo,
e d’esser vecchio come l’inverno, e che tu sii morta...;

5ed i ricordi cadono sull’anima l’un dopo l’altro,
facendomi sfilar davanti i passati nonnulla.

Colle sue dita invisibili il vento batte alle finestre
e fila nel mio pensiero lo stame delle favole meravigliose,

e allora mi sembra che tu mi appari tra la nebbia
10cogli occhi tuoi grandi in lagrime, colle mani affilate e fredde

e con ambo le braccia al collo mio t’avvinchi
e par che voglia dirmi qualcosa e poi sospiri.

Io stringo allora al petto la mia ricchezza d’amore
e nel bacio uniamo le tristi povere vite nostre.

15Oh voce del ricordo! resta in eterno muta
ch’io dimentichi in eterno la fortuna d’un istante!

Ch’io dimentichi come ti strappasti dalle mie braccia.
Allora sarò vecchio e solo, e tu sarai morta da secoli!