Poesie (Eminescu)/XXXI. Fremito di selva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXI. Fremito di selva

../XXX. Così fresca ../XXXII. Lascia il tuo vecchio mondo IncludiIntestazione 27 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
XXXI. Fremito di selva
XXX. Così fresca XXXII. Lascia il tuo vecchio mondo
[p. 51 modifica]

XXXI.

FREMITO DI SELVA.


Trasalendo scintilla il lago
e si culla sotto il sole;
io, guardandolo dal bosco,
lascio rapirmi dalla malinconia,
5e ascolto dall’ombra
                                     il pitpalac!

Dalle sorgive e dai torrenti
l’acqua croscia sonnolenta;
dove, tra i rami, il sole
10penetra nell’onde,
paurosa ella nei flutti
                                     si precipita.

Canta il cuculo; i merli, i tordi
cantano. Chi li sa ascoltare?
15Degli uccelli (nascoste
tra’ rami) cinguettan le tribù,
e parlan con tanto numerosi
                                     significati ascosi!

Il cuculo domanda: — «Dov’è
«20la sorella de’ nostri sogni d’estate?
«Flessuosa e innamorata,

[p. 52 modifica]

«dallo sguardo stanco,
«come una fata che appare
                                     «a tutti?»

25Il vecchio tiglio ha steso un ramo
perch’ella possa sfiorarlo;
il tiglio giovane per farle vento
e per rapirla, colle sue braccia, in alto,
ancora piove i suoi fiori
                                     30su lei.

E la fontana si domanda triste:
— «Dov’è andata la mia regina?
«Disfacendo la morbida treccia,
«nell’acqua mia specchiandosi il volto,
«35mi sfiorerà ancora, pensosa,
                                     col piede?

Ho risposto: — «Cara mia selva,
«ella non viene, non verrà più,
«solo voi, querce, restate ancora
«40a sognar gli occhi di viola
«che mi sorrisero blandi
                                     «tutta l’estate!»

Oh, eran belle le alture,
quando mi son legato con lei!
O favola piena d’incanto,
30ch’oggi sei oscurata,
dovunque tu sii, torna ancora,
                                     siam soli ancora!