Poesie (Porta)/122 - PER LE GABELLE E DAZI ESORBITANTI IMPOSTI DAL MINISTRO PRINA NON SI PENSA PIÙ A FOTTERE

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 - PER LE GABELLE E DAZI ESORBITANTI IMPOSTI DAL MINISTRO PRINA NON SI PENSA PIÙ A FOTTERE

../121 - Akmett in tocch comè la porcellanna ../123 - Dolor de dent? on cazz che te bozzira! IncludiIntestazione 27 settembre 2008 75% poesie

Carlo Porta - Poesie (XIX secolo)
122 - PER LE GABELLE E DAZI ESORBITANTI IMPOSTI DAL MINISTRO PRINA NON SI PENSA PIÙ A FOTTERE
121 - Akmett in tocch comè la porcellanna 123 - Dolor de dent? on cazz che te bozzira!

 
PER LE GABELLE E DAZI ESORBITANTI
IMPOSTI DAL MINISTRO PRINA
NON SI PENSA PIÙ A FOTTERE

Anca el negozzi della passerina
el stà pocch i mee donn a andà in bordell,
ché i temp hin stremii e el minister Prina
el ne porta via el rest coj sò gabell.

Col granee voeuj, con succia la cantina,5
col boja che ne tira in coo la pell,
vorrav vedè quell muso, giuradina!
che fuss in cas de fà stà in pee l’usell.

E anch s’el fuss in cas de fall stà in pee,
vorrav vedè coluu che pò compralla,10
senza vin, senza gran, senza danee.

Me despias per violter i mee donn,
ché per mì la mia ciolla poss mennalla
a dispett del sur Prina e di vost monn.